Main partner:

Jobs

Le aziende cercano nuove metriche di misurazione. Lo studio di Xaxis

Dalle nuove esigenze delle aziende in ambito misurazioni, emerse da una ricerca di Xaxis, a una nuova acquisizione sul fronte del Programmatic Radio, alle mosse di Amazon sulla pubblicità televisiva. Ne parliamo oggi nella nostra rassegna.

Le aziende cercano nuove metriche di misurazione. Lo studio di Xaxis

Se svariate aziende hanno spostato gran parte dei loro budget di comunicazione dai media tradizionali al digitale e al programmatico, molti accusano la mancanza di metriche di misurazione appropriate per provare i benefici di questa loro mossa. Lo rivela uno studio condotto da Xaxis in USA e Canada. «La maggior parte degli inserzionisti con cui abbiamo parlato effettuano misurazioni utilizzando ancora KPI come il cost per visit», dichiara Matt Sweeney, CEO of Xaxis North America, spiegando che, se tali metriche dicono alle aziende che i clienti effettuano l’acquisto, non danno invece riferimenti sul tipo di engagement creato dagli annunci, nè sul valore di tale interazione ai fini del raggiungimento degli obiettivi di business. Leggi di più su MediaPost.

iHeartMedia punta sul programmatic con una nuova acquisizione

Il gigante del broadcasting radio iHeartMedia ha annunciato di avere acquisito la piattaforma di programmatic radio Jelli. Un’operazione che consentirà agli inserzionisti di iHeartMedia di raggiungere importanti segmenti di pubblico, sfruttando la scalabilità delle property di iHeartMedia, sia radio che digitali. Le due società non sono complete sconosciute: dal 2015 Jelli ha contribuito al funzionamento di SoundPoint, il private marketplace di iHeartMedia, tramite cui sono commercializzate le inventory delle 850 stazioni radio della società. Adesso, iHeartMedia porterà la tecnologia di Jelli in-house. Leggi di più su The Drum.

Amazon spinge l’acceleratore sulla pubblicità televisiva

Amazon ha iniziato a richiedere ai network televisivi e agli editori digitali che trasmettono contenuti su Fire TV, il suo dispositivo per le TV connesse, di cedere a lei il 30% dei loro spazi pubblicitari per la vendita. Fino allo scorso mese, Amazon consentiva a tali publisher di vendere autonomamente i loro spazi e di percepirne l’intero ricavato, ma a partire da settembre la policy è cambiata. Adesso Amazon gestirà la vendita di quasi un terzo delle inventory dei suoi partner, tenendo per sé l’intero guadagno. Leggi di più su AdAge.

iHeartRadio offrirà il primo private marketplace programmatico per la radio digitale

iHeartMedia ha annunciato il lancio del primo private marketplace programmatico per la radio digitale negli Stati Uniti. Il PMP permetterà a compratori selezionati di accedere all’inventory radio premium sulle proprietà digitali all’interno di iHeartRadio, il servizio di musica e streaming dell’azienda. Le agenzie e i marchi saranno in grado di raggiungere programmaticamente gli utenti utilizzando una combinazione dei suoi segmenti dati con dati di terze parto.

iHeartRadio raggiunge più di 250 milioni di ascoltatori americani ogni mese e offre ascolto gratuito alle sue 858 stazioni radio distribuite su tutto il territorio nazionale. La piattaforma, secondo quanto sostenuto dalla stessa azienda, è il servizio digitale che, sorpassando 85 milioni utenti registrati e più di un miliardo di scaricamenti in pochi anni.

“L’audio ha un ruolo significativo e sempre più importante nella vita dei consumatori e iHeartmedia è impegnata attivamente nell’evoluzione delle modalità in cui gli operatori possono raggiungere e influenzare il loro pubblico attraverso i canali audio” ha dichiarato Brian Kaminsky, President of Programmatic and Data Operations for iHeartMedia, “Offrire un approccio programmatico all’acquisto all’ascolto delle audience digitali è una naturale prosecuzione delle nostre vendite dirette e delle iniziative di trasmissione programmatica e ci permette di catturare più dei 20 miliardi di spesa pubblicitaria prevista nel 2016”.

Il PMP di iHeartMedia è realizzato grazie alla tecnologia da AdsWizz, piattaforma programmatica che offrirà programmatic guaranteed, private marketplace e opportunità di asta aperta ai suoi partner pubblicitari. In questo modo, il servizio di streaming musicale utilizzerà i suoi dati di prima parte e quelli provenienti dai partner.

“Siamo felici di lavorare con iHeartMedia per portare avanti l’ascesa del programmatic nello spazio audio digitale”, ha Alexis van de Wyer, CEO at AdsWizz, “iHeart ha una portata unica, le sue relazioni con i marchi e il suo appetito per innovazione ci rendono partner perfetti per essere il primo private marketplace per la radio digitale. La loro decisione di lanciare un PMP è anche tempestiva perché un numero crescente di agenzie sono impazienti di cominciare a comprare programmaticamente audio digitale”.