Main partner:

Jobs

Ice Cube punta sul Programmatic per la nuova campagna, insieme a Turbo

Ice Cube, azienda specializzata nella nuova categoria del ghiaccio alimentare confezionato, ha deciso di puntare sul Programmatic Advertising per la sua nuova campagna digitale a tema “L’Era Glaciale: in rotta di collisione”. E per pianificare la campagna ha scelto Turbo, parte del Gruppo Next 14.

Ice Cube, in vista del nuovo, esilarante, episodio della saga del celebre film di animazione, ha stretto una partnership con uno dei più importanti studi cinematografici al mondo, la Twentieth Century Fox, presentando un concorso a premi organizzato in collaborazione con Promosfera Srl e che si svolge su un minisito dedicato raggiungibile da www.ice-cube.it.

Con partenza a metà giugno e focus all’uscita del film nelle sale cinematografiche, il 22 agosto, la campagna sarà data-driven e avrà l’obiettivo di comunicare al target l’esistenza del concorso per chi acquista i pack di ghiaccio Ice Cube. Ad affiancare il planning digital ci saranno anche promozioni nei supermercati e visibilità nelle grandi superfici.

matteo-pomi-turbo
Matteo Pomi

«Con il Programmatic Adv, Ice Cube potrà comunicare online in modo mirato il suo prodotto, così nuovo e particolare, in alta stagione, senza dispersioni geografiche e di target. Per farlo, useremo la nostra Data Management Platform proprietaria, sincronizzata con le principali DSP presenti sul mercato con una soluzione altamente personalizzata e che garantisce la massima trasparenza. Tale soluzione permetterà ad Ice Cube di conoscere, durante la campagna, quale sarà il profilo degli utenti che risulteranno più interessati al prodotto e di acquistare spazi digital partendo dai profili simili a quelli individuati, che non saranno ancora entrati in contatto con Ice Cube. Inoltre, attraverso una dashboard personalizzata, Ice Cube potrà monitorare in real time ogni aspetto delle campagne, dall’elenco dei siti su cui sta girando la pianificazione, alle performance per formato, visualizzando tutti i KPI specifici concordati», ha commentato Matteo Pomi, CCO di Turbo Programmatic Advertising.