Main partner:

Jobs

Zebestof cambia nome e diventa ZBO Media

Zebestof, trading desk specializzato nell’acquisto di spazi pubblicitari in programmatic, cambia nome e diventa ZBO Media.

La piattaforma, acquisita nel 2014 dal gruppo Figaro CCM Benchmark, opta quindi per una nuova identità di brand che nei progetti dovrebbe facilitarne l’internazionalizzazione e sottolinearne l’ancoraggio al più importante gruppo editoriale digitale in Francia.

“Siamo il solo trading desk che può sfruttare tutti i dati del gruppo Figaro CMM Benchmark (primo gruppo editoriale per audience e quarto in assoluto dopo Google, Facebook e Microsoft, ndr), che raggiunge 37,4 milioni di visitatori unici secondo gli ultimi calcoli di Médiamétrie//Netratings, il tutto nel rispetto del GDPR”, sottolinea infatti il direttore generale Antoine Saglier.

La società dichiara una crescita del giro d’affari del 30% nel 2018 e annuncia di voler fare altrettanto bene quest’anno. «Speriamo di accelerare ancora nel 2019 con una squadra più ampia, importanti investimenti in ricerca e sviluppo e nuovi clienti».

Nel nostro Paese, Zebestof – che ha recentemente rinnovato la propria piattaforma tecnologica, ora aperta anche a formati innovativi come il DOOH e il Programmatic Audio – è guidata da Giacomo Zampieron, country manager Italy.

«Nel 2018 abbiamo registrato una crescita a doppia cifra anche all’estero e in Italia per la divisione trading desk, che opera attraverso una DSP proprietaria e sulle principali soluzioni Adtech per fornire alle aziende e ai loro centri media un’unica soluzione omnichannel per le campagne, garantendo ottime prestazioni su tutti i mercati in Europa e oltreoceano», spiega Zampieron a Programmatic Italia.

«Se da un lato ZBO media ha saputo sviluppare nuovi algoritmi a partire dai propri dati esclusivi, dall’altro ha scelto di posizionarsi sulla personalizzazione di progetti trasversali e sulla consulenza al cliente, non solo in ambito key accounting. ZBO media propone ormai servizi complementari di formazione, consulenza editoriale e trasformazione digitale in azienda. anche in Italia presso la nostra filiale a Milano. L’affidabilità, l’efficacia dei nostri strumenti, il sostegno all’innovazione da parte di Figaro CCM Benchmark, sono gli elementi chiave per capire la continuità del nostro lavoro in Italia da fine 2013», conclude Giacomo Zampieron».

Programmatic Native, accordo tra Zebestof e Adyoulike

La piattaforma di marketing programmatico Zebestof, società francese di pubblicità digitale data-driven, ha siglato un accordo internazionale con Adyoulike, di cui Good Move è rivenditore esclusivo per il mercato italiano.

Tramite la connessione della propria DSP in Open RTB 2.4 con la SSP Adyoulike, primo SSP native europeo, Zebestof arricchisce quindi la sua offerta di Native Advertising con un vasto network di editori premium.

I clienti inserzionisti e trading desk di Zebestof possono così posizionare i loro contenuti su un largo network di siti italiani e in tutto il mondo, utilizzando dei formati Native Advertising (formati in-feed con immagine, testo e descrizione) associati a una profilazione esclusiva (profili socio demografici), tipo di navigazione e dati CRM, per proporre un contenuto mirato ed evitare la sovraesposizione di pubblicità su ciascun utente che naviga in Internet.

«Di fronte alla crescita degli Adblockers, noi proponiamo ai brand l’esperienza arricchita del Native Advertising: migliore esperienza di messaggio, pressione pubblicitaria controllata, personalizzazione della creazione in funzione dell’engagement dell’utente con il brand» ha spiegato Giacomo Zampieron, Country Manager Italy di Zebestof.

Integrati al DSP di Zebestof, le strategie native display e native video sono impiegate per migliorare l’esperienza dell’utente e le performance globali delle campagne.

«Siamo molto felici di essere integrati alla tecnologia DSP di Zebestof, e di potere cosi proporre la nostra offerta native ad altri advertiser. Questa integrazione, facilitata dal protocollo Open RTB 2.4 disposto sulle nostre rispettive tecnologie, permette un accesso istantaneo alle nostre inventory in Native Advertising» ha sottolineato Charles Deffontaine, Managing Director di Adyoulike.