Main partner:

Jobs

SpotX amplia l’inventory grazie a un accordo con Evolution ADV

A pochi giorni dall’annuncio della nascita di SpotX Italia – in seguito al completamento della fusione con Smartclip – la piattaforma di monetizzazione video comunica un importante ampliamento della sua inventory, grazie a un nuovo accordo con Evolution ADV.

La partnership vedrà la piattaforma video rafforzare ulteriormente la propria inventory con nuovi siti focalizzati sulle aree donna, sport, economia, news ed entertainment.

“A seguito dell’acquisizione avvenuta lo scorso luglio di B4U, realtà dedicata alla gestione di formati pubblicitari video, da parte di Evolution ADV, SpotX, partner di B4U, ha potuto incrementare il proprio network di editori potenziando ulteriormente la propria offerta sul mercato – spiega SpotX in una nota -. La nuova collaborazione prevede il coinvolgimento di SpotX come partner tecnologico per la gestione video di Evolution ADV“.

«Siamo orgogliosi di annunciare l’arricchimento del nostro network di editori grazie all’ingresso di Evolution ADV che annovera una serie di siti web tra i più importanti in Italia, ricoprendo le più ampie tematiche: dall’intrattenimento, allo sport, dal lifestyle all’economia e finanza – dichiara Giuseppe Bronzino, Managing Director SpotX Italia -. Grazie a questo ampliamento saremo in grado di offrire agli inserzionisti una gamma allargata di inventory raggiungendo un target ancora più mirato nei settori donna, sport ed economia».

«Evolution ADV è da sempre attenta alle esigenze dei propri editori e condivide con SpotX l’obiettivo di fornire ai propri clienti risultati ottimali – afferma Fabio Zoboli, General Manager SpotX Platform Italy -. SpotX è lieta di supportare Evolution ADV in qualità di partner tecnologico, certi che la collaborazione porterà all’ottimizzazione della loro inventory grazie all’implementazione della nostra SSP video».

fabio zoboli-spotx
Fabio Zoboli

Con oltre 100 siti in gestione e oltre 200 milioni di pagine viste su base mensile, Evolution ADV si propone come apripista di un nuovo modello di partner di monetizzazione per i publisher digitali, occupandosi degli aspetti tecnologici e commerciali sul lato dell’offerta e garantendo selezione e qualità dell’inventory sul lato della domanda.

«Evolution ADV ha lavorato intensamente negli ultimi mesi per lo sviluppo di un setup video che rispetti i più alti standard richiesti dal mercato, come già fatto con successo per i formati display. Il completamento di questo lavoro unito alla fusione con il setup proveniente da B4U ha portato a una tecnologia d’avanguardia che siamo certi che un partner prestigioso come SpotX saprà valorizzare al meglio – dichiara Francesco Califano, Head of Business Development di EvolutionADV -. Il confronto sullo sviluppo tecnologico è costante e cerchiamo insieme di evolvere l’ecosistema dell’adv video sul web secondo la filosofia che anima Evolution ADV dalla sua fondazione».

francesco-califano-evolution-adv
Francesco Califano

SpotX e smartclip hanno unito le loro attività commerciali creando, per broadcaster e aziende media di tutto il mondo, la proposta Total Video: un’offerta che fa leva sulla tecnologia per la gestione e la monetizzazione dell’advertising. Più del 40% del business congiunto delle due aziende è oggi generato al di fuori degli Stati Uniti grazie al lavoro di 220 persone distribuite in Europa.

SpotX: Martina Zavagna Supply Account Manager del team Italia

SpotX annuncia l’ingresso nel team italiano di Martina Zavagna con il ruolo di Supply Account Manager.

Precedentemente in FreeWheel, la manager lavorerà negli uffici di Milano con la responsabilità di supportare operatori media e publisher, facendo leva sulla piattaforma tecnologica di SpotX, e offrendo loro un approccio olistico all’ad serving. Ciò includerà inoltre gestione dei ricavi e una gamma di strumenti di ottimizzazione delle revenue in programmatic, compresi private marketplace e curated marketplace.

«Martina porta in SpotX quattro anni di esperienza in programmatic advertising, solide competenze tecniche rivolte ai publisher, buona comprensione di ad serving e contatti nel settore», spiega Fabio Zoboli, General Manager di SpotX Italia. «Lavorerà al fianco di Ilenia Barnabé, manager che vanta un’ottima esperienza nel campo del programmatic video advertsing, caratteristiche che andranno a incrementare il know how e il posizionamento della società nel mercato italiano».

Zavagna, infatti, ha maturato la sua professionalità sia in ambito DSP sia SSP. Prima di approdare in SpotX, ha fatto parte del team di FreeWheel, società specializzata in soluzioni tecnologiche per la pubblicità video in Spagna, Francia, Belgio e Italia. In precedenza, ha lavorato tre anni presso Tradelab dedicandosi alla DSP dove ha contribuito al lancio delle operation in Italia. Martina Zavagna è laureata presso l’Università di Genova in Informazione ed Editoria.

«La pubblicità video è il formato più importante nell’ecosistema programmatico che sta registrando la crescita più ampia. Sono orgogliosa di entrare a far parte del team di SpotX, una delle più importanti realtà a livello globale con un forte impatto in Europa e una buona base di clienti in Italia. Lavorare a Milano a fianco degli operatori media italiani mi darà l’opportunità di trascorrere più tempo con i publisher e stringere relazioni più profonde, in modo da comprendere le loro attività in maniera più approfondita e fornire una consulenza ottimale», dichiara la nuova Supply Account Manager di SpotX.

Novità nel team europeo: Ilenia Barnabé si sposta a Londra

Cambiamenti in corso anche nel team europeo di SpotX. Infatti, Ilenia Barnabé, oggi parte del gruppo di lavoro ad Amsterdam, farà il suo ingresso negli uffici di Londra. In SpotX Benelux dal 2016, Ilenia ha lavorato quattro anni in BrightRoll – società acquisita poi da Yahoo e oggi parte di Oath -, mentre precedentemente ha ricoperto posizioni in AOL e RAI. Ilenia Barnabè ha studiato Media e Comunicazione all’Università di Bologna.

«Negli ultimi quattro anni della mia carriera ho avuto modo di specializzarmi in programmatic video advertising e ho sviluppato una buona comprensione dell’ecosistema DSP e SSP. Il mio ruolo in SpotX mi consente di lavorare a stretto contatto con i principali publisher nei mercati chiave e di avere l’opportunità di approfondire le mie competenze grazie anche all’opportunità di viaggiare nei diversi uffici in Europa», conclude Ilenia Barnabé, Supply Operations Manager di SpotX.

SpotX è parte di RTL Group e ricordiamo che a febbraio scorso ha annunciato la fusione con smartclip dando vita a un’unica piattaforma ad tech globale per il video (leggi qui l’articolo dedicato).

SpotX lancia una soluzione di header bidding per la pubblicità video

SpotX ha rilasciato uno strumento di header bidding progettato specificamente per la pubblicità video.

La nuova suite di soluzioni, che si aggiunge ai servizi avanzati di ad serving, include un wrapper server-side che fornisce agli editori una gamma di funzioni per massimizzare il numero di fonti di domanda in competizione per l’inventory. Ad amministrare il prodotto sarà Tal Almany, veterano del settore, che entra in SpotX come Senior Director, Advanced Integrations dopo quasi cinque anni in OpenX.

“Sono entusiasta di entrare a far parte della società in occasione del lancio di un nuovo prodotto di header bidding. Il wrapper e la suite di integrazione diretta di SpotX forniscono ai media gli strumenti più avanzati che l’editoria video richiede per massimizzare il ritorno sugli investimenti e migliorare l’efficienza”, ha commentato Almany, che riporterà al Cro di SpotX, Sean Buckley, e avrà l’incarico di gestire i prodotti di header bidding e di supervisionarne sia l’ambito ingegneristico e tecnico sia di business.

Al momento, SpotX sta rendendo disponibile la soluzione di header bidding ad oltre dieci clienti, inclusi editori di grandi riviste, gruppi media nazionali e testate online premium.

La società ad-tech ha recentemente aperto una nuova sede in Italia, a Milano, che sarà diretta da Fabio Zoboli.

SpotX apre in Italia e nomina Fabio Zoboli Managing Director

SpotX amplia la sua presenza in Europa e assume Fabio Zoboli come primo Managing Director per l’Italia. Con base a Milano, sarà incaricato di far crescere il business della società nel nostro Paese e collaborare con i media locali e i vari inserzionisti.

“Nessuno in Italia, conosce il panorama video meglio di Fabio Zoboli, sia dal lato acquisto che dal lato vendita. Fabio apporta un livello di conoscenza invidiabile nel nostro settore, inoltre ha notevole esperienza di lavoro con aziende internazionali. Con le sue doti manageriali e la sua perspicacia nel settore commerciale non ci sono dubbi che faciliterà la crescita di SpotX in Italia, dove molte note emittenti stanno lavorando con il mobile e la televisione connessa”, ha commentato Leon Siotis, Managing Director per il Regno Unito e il Sud Europa della struttura.

La mia missione è di favorire i media italiani consentendo loro di approfittare della migliore infrastruttura programmatica sul mercato del video: dal desktop, all’outstream, dal mobile alla TV connessa”, ha commentato il nuovo Manager Director italiano. Con l’aiuto della sede londinese di SpotX, si occuperà della formazione di una squadra in Italia.

Fabio Zoboli ha lavorato per quattro anni in Teads come Director of Publisher Development e per due anni come Publisher Manager in Ebuzzing. Nel 2016, è stato scelto da Strossle come Country Manager per l’Italia, aiutando i vari editori a ottimizzare la distribuzione dei contenuti.

La strategia di SpotX: espandersi in Europa

La nomina conferma la strategia di SpotX di espansione nel Vecchio Contiente. In un’intervista rilasciata a luglio, Leon Siotis e Joanna Burton, VP European Strategy, avevano già dichiarato che la società era intenzionata a incrementare il suo giro d’affari in Europa e in particolare in Italia, dove ad una solida crescita del mercato della pubblicità digitale si accosta un’impennata dell’adozione della televisione connessa.

SpotX è ora controllata al 100% da RTL Group. Qualche giorno fa, infatti, l’emittente tedesca, già in possesso di oltre la metà delle azioni della compagnia, ha completato l’acquisizione comprando i titoli ancora in circolazione.