Main partner:

Jobs

DigiTouch: nuova soluzione di data-driven adv per tv connesse, digital radio e Dooh

Dopo aver presentato una soluzione di Cyber Security e una piattaforma per l’analisi dei dati, il Gruppo DigiTouch è tra le prime realtà italiane a proporre una soluzione di data-driven advertising pensata per approcciare le tv connesse, le digital radio e le affissioni digitali secondo le dinamiche di acquisto, pianificazione, targeting e misurazione proprie dei media digitali.

La soluzione nasce per consentire alle aziende di avere una visibilità sui media citati a fronte di una soglia di ingresso più accessibile in termini di costi e di dinamiche più elastiche, nonché di poter beneficiare dell’innovazione nelle possibilità di targeting e nell’erogazione delle campagne, spiega l’azienda. Innanzitutto, viene utilizzata la stessa piattaforma di pianificazione dell’advertising online e questa centralizzazione permette una misurazione della reach in real-time. Inoltre, il target può essere affinato utilizzando dati di prima e terza parte o in base al parametro della geolocalizzazione. Infine, viene data la possibilità di misurare le campagne in modo più puntuale e di definire dei nuovi Key Performance Indicator per i media tradizionali.

“Siamo orgogliosi di essere tra i primi in Italia a proporre questa innovazione, che, come dimostrano i dati di mercato, ha un grande potenziale, visto il bacino in forte crescita dei media tradizionali connessi. Nel corso dell’anno abbiamo curato con successo diverse campagne di data-driven advertising sui media tradizionali digitali per alcuni clienti dei settori e-commerce, finance e retail e abbiamo colto l’interesse verso questa soluzione anche da parte di alcuni brand del settore pharma. Il fatto di essere in contatto con i principali abilitatori di questi nuovi canali e l’avere come Gruppo ben 12 anni di expertise nell’ambito del digital marketing e della digital transformation ci pone come partner ideale per tutte le aziende che vogliono cogliere questa opportunità. L’innovazione ha così potenziato anche i media tradizionali, agevolando l’accesso anche a realtà che, per particolarità del business o gestione del budget, non avevano considerato sino ad oggi di presidiare questi canali. Si pensi a chi ha un business geolocalizzato o a chi ha necessità di misurare l’investimento in termini di reach su target mirato”, dichiara Annarita Olivieri, Managing Director di Performedia, società del Gruppo DigiTouch.

Digital audio, Dooh e addressable tv: un mercato in crescita

La soluzione proposta da DigiTouch si inserisce nel mercato dell’internet advertising che ad oggi in Italia vale circa 3 miliardi di euro, rappresentando il 36% del mercato pubblicitario complessivo. Formati come il digital audio, il digital out of home (Dooh) e l’addressable tv, che fino a poco tempo fa erano disponibili solo sui media tradizionali offline, oggi, grazie all’evoluzione tecnologica, sono entrati nella pianificazione media digitale.

Secondo le stime dell’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano in Italia gli investimenti dell’addressable tv raddoppieranno entro fine anno, passando dagli 8 milioni del 2018 a 15 milioni di euro nel 2019. Negli Usa questa evoluzione è già molto avanti, registrando investimenti pari a 2,5 miliardi di dollari entro fine anno e stimando una crescita del 32% nel 2020 quando raggiungerà quota 3,3 miliardi di dollari (Fonte: AdWeek). Gruppo DigiTouch si aspetta in Italia un trend di crescita simile nel periodo 2020-2024.

L’affermarsi di questa innovazione è agevolato dalla diffusione crescente di media tradizionali connessi. In Italia sono sempre più gli utenti che utilizzano Spotify e altri ambienti di ascolto personalizzati, le case produttrici di tv includono la connessione a internet in tutti i nuovi prodotti e nei centri città, inoltre nelle grandi stazioni e negli aeroporti le affissioni cartacee sono state integrate in misura sempre maggiore dalle affissioni digitali.

Lo sviluppo del mercato addressable rientra nell’ambito delle strategie del Gruppo DigiTouch che intende affermarsi su tutti i canali e formati innovativi compresi voice, wearable e IoT (Internet of Things).

DigiTouch presenta una soluzione di Cyber Security

Gruppo DigiTouch presenta la soluzione di Cyber Security sviluppata da Purple Ocean, società specializzata in soluzioni di managed services, software development e in security operation services, entrata a far parte del Gruppo a ottobre dello scorso anno.

Si tratta di una soluzione volta a rispondere alla crescente necessità delle aziende di prevenire e proteggersi da attacchi informatici. Competenze, tecnologie in campo Artificial Intelligence e Machine Learning e Innovazione dei Processi sono i cardini della soluzione del Gruppo.

La soluzione è stata curata da un team di professionisti in sicurezza informatica che ha dato vita al Security Operation Center (SOC). Dopo una prima analisi di risk evaluation, volta a verificare il livello di sicurezza della infrastruttura online del brand, il team SOC attiva un monitoraggio proattivo dei sistemi informatici. La prima fase si sviluppa attraverso attività di Security Assessment e di Penetration Test, che viene svolta con l’intento di emulare il comportamento malevolo degli hacker alla ricerca di un modo per accedere o compromettere un sistema. La seconda fase si concentra sul security management ed è quindi basata su attività di Event Monitoring & Maintenance attraverso la gestione delle principali piattaforme SIEM (security information and event management).

“Se pensiamo che le perdite subite dalle aziende a causa di attacchi informatici sono ammontate, in media, a 4,7 milioni di dollari nel 2018 secondo quanto rivela il rapporto internazionale The Cybersecurity Imperative, ben si intende l’importanza per le aziende di dotarsi di consulenti e tecnologie adeguate a prevenire e fronteggiare questo problema. Avere un approccio integrato alla Digital Transformation significa per il nostro Gruppo offrire una valida e concreta soluzione anche sul fronte della sicurezza informatica. Una soluzione che nasce dalle forti competenze ed expertise portate in casa con l’acquisizione di Purple Ocean, che vanta un’esperienza decennale nella gestione di grandi clienti e di infrastrutture complesse e business critical”, dichiara Simone Ranucci Brandimarte, Presidente del Gruppo DigiTouch.

Questa soluzione rientra nella divisione del Gruppo dedicata a “Tecnologia e Dati”, che ha visto un incremento delle performance come da risultati presentati nella relazione finanziaria semestrale del Gruppo, annunciata il 16 settembre al mercato, in seguito all’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione del Bilancio Intermedio Consolidato della Società.

DigiTouch presenta una nuova soluzione per l’analisi dei dati

Il Gruppo DigiTouch presenta un’altra novità tecnologica realizzata grazie alle competenze acquisite con la recente acquisizione di Meware: la Meware Cognitive Platform (MCP), una soluzione proprietaria che permette alle aziende di far fronte all’aumento del volume e della complessità dei dati a loro disposizione, al fine di valorizzarli su tutte le aree di business.

Grazie alla capacità di leggere dati di ogni genere e di qualsiasi fonte di provenienza, la MCP è in grado di acquisire, filtrare e analizzare l’enorme e complessa mole di dati. Tutto questo tramite l’applicazione di intelligenza artificiale e machine learning ai dati aziendali.

La MCP offre ai brand la possibilità di disporre di indagini modulari, che spaziano dall’analisi testuale volta ad automatizzare la comprensione e le azioni derivanti dall’analisi semantica, alla verifica dei dati lato GDPR; è inoltre in grado di impiegare modelli matematici finalizzati a trovare la migliore soluzione al problema del cliente e di applicare algoritmi specifici per il riconoscimento delle immagini. Inoltre, consente anche di eseguire analisi di comprensione e definizione dei dati mediante modelli di machine learning e, utilizzando le reti neurali, con modelli di deep machine learning.

L’azienda può scegliere quali analisi attivare e personalizzare l’interfaccia in base al suo obiettivo. La MCP è adatta sia per aziende di grandi dimensioni sia per realtà medio/piccole grazie all’approccio modulare.

L’offerta si sviluppa all’interno della divisione Data & Business Analytics di DigiTouch, destinata a crescere nella proposizione di Gruppo.

“Oggi si parla molto di business analytics e di machine learning perché rappresentano l’unica valida soluzione al problema dell’analisi dei dati, che sono numericamente sempre più elevati, variegati perché provengono da fonti disparate, e complessi, molto complessi. Per gestirli in modo efficace e trarne valore la tecnologia rappresenta un asset imprescindibile, purché accompagnata dal pensiero strategico, che solo la mente umana può portare. Nel Gruppo DigiTouch siamo lieti di poter contare su un team di professionisti esperti composto da ingegneri, statistici e matematici che curano il progetto Meware Cognitive Platform. Diversi clienti dei settori banking, e-commerce e previdenziale hanno scelto questa nostra soluzione e stanno registrando importanti ritorni sull’investimento. Siamo lieti di questi risultati, che per noi costituiscono anche un ulteriore incentivo a proseguire la ricerca di soluzioni innovative sempre più performanti”, afferma Simone Ranucci Brandimarte, Presidente, Gruppo DigiTouch.

Unieuro sceglie la DMP di Audiens per la gestione e l’attivazione dei propri dati

Unieuro ha scelto Audiens, la società italiana del Gruppo DigiTouch che ha sviluppato l’omonima piattaforma di data management, come partner tecnologico per la gestione dei dati raccolti nell’ambito della strategia omnicanale del brand e per la loro valorizzazione nelle campagne di digital advertising.

«Abbiamo scelto di sfruttare le potenzialità offerte dalla piattaforma di data management proposta da Audiens per ottenere il massimo ritorno sull’investimento dalle nostre campagne digital», spiega Enzo Panetta, Digital Marketing & Innovation Director di Unieuro, il maggiore distributore omnicanale di elettronica di consumo ed elettrodomestici per numero di punti vendita in Italia. «Questa DMP – aggiunge il manager – permette infatti di profilare il target di utenti ai quali indirizzare un contenuto, per realizzare campagne mirate e quindi più efficaci. Ciò si traduce in un aumento della conversione online e nell’ottimizzazione degli investimenti effettuati».

Attraverso la DMP di Audiens, Unieuro potrà tracciare, raccogliere e connettere all’interno di un unico hub i propri dati e analizzarli in forma anonima nel pieno rispetto della privacy. Inoltre Unieuro potrà trasmettere alle principali piattaforme pubblicitarie online i segmenti di pubblico rilevati e pianificare campagne data-driven, con il vantaggio di instaurare una relazione sempre più one-to-one con i propri clienti.

«Siamo orgogliosi di poter collaborare con un brand che come noi crede fermamente nelle potenzialità delle tecnologie digitali e del marketing data-driven. L’adozione di una data management platform permetterà a Unieuro di implementare tecniche di pianificazione avanzate, quali l’audience modeling e l’audience extension, e di potenziare l’attività di upselling sulla propria customer base e l’attività di prospecting», sottolinea invece Marko Maras, co-founder di Audiens.

Gruppo DigiTouch è il primo Premium Partner di Adform

Il Gruppo DigiTouchplayer indipendente italiano attivo nel digital performance marketing e società quotata sul mercato AIM Italia, è il primo ad ottenere la certificazione di Premium Partner di Adform, nell’ambito del programma di accreditamento sviluppato da Adform stessa, per educare e ispirare gli attori della filiera del digital advertising.

«Siamo molto soddisfatti di questa certificazione perché testimonia l’impegno del nostro Gruppo a tenersi sempre aggiornato e preparato sui trend evolutivi del mercato del digital advertising. Questa preparazione ci permette di offrire ai nostri clienti le soluzioni di digital advertising sempre migliori e più innovative, creando così un reale valore aggiunto», afferma Paolo Mardegan, CEO del Gruppo DigiTouch.

L’agenzia ha ottenuto la certificazione di Adform, la piattaforma ad-tech full stack indipendente e aperta che serve agenzie media, trading desk, brand ed editori a livello globale, grazie al superamento di due test da parte del team di media traders del Gruppo: il primo test – modulo essentials – verte sulla preparazione inerente i servizi di adserving e di tracking, il secondo test – modulo programmatic – tratta invece l’articolato ecosistema delle Demand Side Platform, cioè delle pianificazioni tramite piattaforme intelligenti automatizzate.

«Siamo lieti che il nostro programma di certificazione sia apprezzato dalla filiera e possa contribuire a tenere elevato il livello di qualità sia delle professionalità che operano nel digital advertising che del prodotto finale, quindi delle campagne stesse, in una logica di generazione di valore», Alfonso Mariniello, ha commentato il Country Manager di Adform in Italia.

Audiens raggiunge 10 milioni di utenti italiani profilati

Audiens, il data provider specializzato nella profilazione e nell’analisi di utenti in navigazione da mobile, ha raggiunto 10 milioni di utenti italiani profilati, diventando uno dei maggiori fornitori italiani di dati di terze parti.

Nato a fine 2014, Audiens ha consolidato la sua presenza sul mercato italiano grazie a singoli accordi firmati con le Telco italiane e finalizzati all’organizzazione di segmenti socio-demo conformi alla privacy e alla loro distribuzione nelle pianificazioni pubblicitarie su device mobili tramite piattaforme programmatiche. Attivo sul mercato in forte crescita dei Big Data, Audiens si rivolge a centri media, trading desk ed editori ai quali rende disponibili i dati certificati delle Telco per una loro valorizzazione a fini pubblicitari.

«Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo obiettivo. È importante sottolineare non solo la grande quantità di dati che siamo in grado di offrire ai centri media ma anche la qualità ed accuratezza dei nostri segmenti», afferma Marko Maras, partner di Audiens, «L’utilizzo di dati di terze parti in campagne programmatiche non è ancora una pratica molto diffusa nel nostro paese proprio per la mancanza di soluzioni in grado di fornire dati socio-demo affidabili di utenti italiani. Siamo certi che la nostra offerta verrà sempre più apprezzata dagli inserzionisti e stiamo già iniziando a vedere segnali positivi dal mercato», conclude Maras.

Ad oggi Audiens ha al suo attivo collaborazioni con i principali operatori telefonici italiani, si è integrata con le più grandi piattaforme di distribuzione pubblicitaria a livello mondiale (Adform, DoubleClick e AppNexus) e vanta un ricco portafogli clienti, costituito da grandi centri media (quali GroupM e Zenith) a cui offre il servizio di mobile profiling e dai principali editori a cui offre il servizio di mobile analytics.

DigiTouch cede a Mobyt la maggioranza di MediaMob

Il Gruppo DigiTouch cede a Mobyt il controllo della concessionaria di pubblicità mobile MediaMob.

L’operazione, perfezionata oggi tra le due società, entrambe quotate all’Aim, prevede la cessione del 51% di MediaMob S.r.l. da DigiTouch S.p.A. a Mobyt sulla base di un controvalore di 1,275 milioni di euro (300 mila alla data del closing e in ulteriori distinte tranches nei successivi tre anni).

In questo modo, DigiTouch esce dal mondo delle concessionarie per focalizzare il proprio posizionamento di gruppo indipendente di Agenzie Media, mentre Mobyt, che sviluppa il proprio business soprattutto nell’ambito del marketing e dei servizi per mobile, di entrare nel mondo della raccolta pubblicitaria sui new media.

Nata all’interno del Gruppo Digitouch con una sua identità distinta, MediaMob ha realizzato un fatturato 2015 di circa 3 milioni di euro, con un Ebitda di 0,5 milioni. Si tratta di una programmatic sales house, che offre soluzioni tecnologiche di audience targeting e programmatic con un’offerta innovativa di sms advertising (vantando tra l’altro una partnersip esclusiva con Vodafone per l’invio di sms pubblicitari).

Ad assumere la presidenza del nuovo CdA di MediaMob, che continuerà a operare in modo indipendente e con una propria identità, è Riccardo Dragoni, responsabile commerciale di Mobyt S.p.A.

Leggi l’articolo completo su Engage.

DoubleClick e Audiens: i dati delle Telco ora nella piattaforma di Google

Audiens, piattaforma di mobile data profiling e analytics del Gruppo DigiTouch, metterà a disposizione i propri dati socio-demografici sui dispositivi mobile all’interno della piattaforma DoubleClick.

In questo modo i centri media, i trading desk e le agenzie che usano DoubleClick avranno la possibilità di pianificare campagne advertising su smartphone e tablet in modo più efficace.

L’accordo segue a quello siglato con Adform, per offrire ai clienti di quest’ultima l’accesso a cluster profilati di utenti delle Telco e permettere pianificazioni advertising programmatiche ad elevata profilazione.

(Leggi l’articolo completo su Engage.it)

Nissan punta sul second screen e pianifica spot video in RTB per la nuova Pulsar

Per promuovere la nuova Pulsar, Nissan ha scelto di puntare su una campagna di video advertising desktop pianificata in modalità second screen, in concomitanza con l’on air dello spot in tv dei concorrenti.

Curata dal Gruppo DigiTouch in collaborazione con il centro media OMD, la campagna è stata pianificata su DSP (demand-side platform) in RTB utilizzando il formato video pre-roll e facendo un cambio di creatività durante il periodo dell’operazione di comunicazione per garantire l’allineamento con il concept creativo del piano di comunicazione multicanale. Durante la view dell’advertising online, l’utente ha la possibilità di cliccare sul videospot e atterrare così sul sito di Nissan per approfondire le caratteristiche dell’auto.

Mediante una piattaforma tecnologica all’avanguardia, inoltre, vengono rilevati i passaggi in tv dello spot di Nissan Pulsar e di quelli dei principali competitor del brand. Simultaneamente la piattaforma gestisce l’input richiamando l’advertising online e mostrando lo spot video di Nissan agli utenti in navigazione da desktop.

[dup_YT id=”XOmincdg_rA”]

«Iniziata il 18 ottobre, siamo molto soddisfatti dei risultati che la campagna sta portando – dichiara Silvia Sgnaolin, Advertising & Media section manager (Marketing) di Nissan -. «Il click through rate registrato ad oggi supera il 4,5% mostrando un’elevata interazione e interesse del pubblico».

Le più lette

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial