Main partner:

Jobs

«La nostra piattaforma basata sull’IA rende i dati significativi e crea “momenti che contano” per i marketer»

Rocket Fuel, azienda di programmatic marketing, ha sviluppato una DSP (Demand-Side Platform) self-service di nuova generazione per gli advertiser. Basata sull’intelligenza artificiale, la DSP di Rocket Fuel permette ad agenzie e brand di sfruttare al massimo il volume e la velocità dei dati a loro disposizione per ottenere insight significativi e migliori risultati.

Oggi, una delle principali preoccupazioni per i marketer è la crescita esponenziale dei dati degli utenti. La DSP di Rocket Fuel risponde al diffuso problema di comprendere e adattarsi al sempre più complesso percorso che gli utenti compiono su diversi dispositivi e piattaforme. Rocket Fuel collabora con brand e agenzie per utilizzare gli insight ottenuti dai dati comportamentali per condurre attività di marketing altamente efficaci in real-time. Questo approccio individua i momenti del customer journey più significativi, attribuendo loro maggiore rilevanza e, di conseguenza, creando clienti più fidelizzati.

I marketer possono impostare specifici KPI e ottimizzare le loro campagne orientando le attività verso specifici utenti anziché dispositivi. Questo approccio ottimizzato guida le campagne e la performance del business, rendendo più semplice che mai offrire insight dettagliati, permettendo ai planner e ai media buyer di focalizzarsi sulla strategia e di aggiungere valore concreto che si traduce in risultati.

“Ora possiamo gestire oltre 45 campagne al mese, impegnare meno tempo nell’ottimizzazione manuale poco efficace e concentrarci invece sugli insight e le analysis, che portano benefici alle attività di marketing di tutti i nostri clienti. La piattaforma di Rocket Fuel permette di guadagnare tempo da dedicare alla formazione dello staff e dei clienti sul programmatic e di focalizzarci sulla pianificazione altamente strategica”, ha commentato Angela Mottram Breeze, Director of Real Time Trading della società.

La DSP di Rocket Fuel è basata sulla tecnologia Moment Scoring che impara dal comportamento degli utenti ed è in grado di prevedere i prossimi passi del loro percorso. Raccogliendo e analizzando miliardi di data point, i marketer possono ora monetizzare il valore del momento, inviando i giusti messaggi di marketing con il giusto tempismo, riducendo il costo per acquisizione e incrementando il ROI della pubblicità.

«La principale sfida per le aziende è comprendere i loro clienti in tempo reale. Il loro non è un percorso lineare ed è quindi necessaria una piattaforma basata sull’intelligenza artificiale per comprendere gli utenti in uno specifico momento», ha aggiunto Enrico Quaroni, Regional Director Southern Europe e MENA Region di Rocket Fuel, «La DSP di Rocket Fuel non utilizza segmenti pre-definiti, ma si relaziona con le persone in modo granulare, rilevante e contestuale, consegnando le giuste pubblicità a persone reali».

“Un’attività di marketing così sofisticata porterà a un migliore ROI e creerà clienti più fedeli, trasformando in realtà il marketing predittivo. Il sogno di ogni marketer sarà così realizzato. Rocket Fuel, pioniere nell’intelligenza artificiale, ora permette ad agenzie e brand di fare tutto questo in autonomia. Il volume e la velocità dei dati sono un problema importante per il settore. Essere in grado di gestire la velocità alla quale si muovono i dati e la loro grande quantità è essenziale per il successo di ogni azienda. E questo può essere fatto solo con l’intelligenza artificiale”, ha concluso Quaroni.

Adyoulike utilizzerà l’intelligenza artificiale di IBM-Watson sulla sua piattaforma

All’interno della nuova piattaforma pubblicitaria di Adyoulike sarà integrato Watson, il software di intelligenza artificiale di IBM, utilizzato per la prima volta al fine di ottenere un targeting semantico più efficace per la pubblicità nativa.

Come parte della soluzione della società specializzata in tecnologie per formati contestuali, Watson scansiona tutte le pagine all’interno del network globale di editori premium di Adyoulike e le analizza, si legge nella nota, attraverso le stesse modalità in cui lo farebbe una mente umana: cercando contestualmente argomenti, opinioni e semantiche, invece di scansionare esclusivamente semplici parole chiave.

Ciò permette alla piattaforma di fornire contenuti nativi in-feed nella maniera più rilevante e mirata possibile. Watson guarda dove, perché e come l’esistente contenuto editoriale su ogni sito “sta trattando” i diversi temi e garantisce che gli inserzionisti stiano erogando, in maniera dinamica, i contenuti più coerenti.

I dati sono attualmente disponibili attraverso la DMP di Adyoulike e saranno utilizzabili dai compratori programmatici nel primo trimestre del prossimo anno. In Italia, i servizi della società di Programmatic sono forniti in via esclusiva da Good Move, start-up fondata da Alessandro Mandelli e Massimo Vimini (qui l’articolo dedicato).

Adelphic, accordo con Integral Ad Science per il targeting

Adelphic ha stipulato un accordo con Integral Ad Science (IAS) che permetterà ai clienti della demand-side platform di verificare, ottimizzare e analizzare le proprie campagne pubblicitarie mobile-first e cross-dispositivo usando la tecnologia di IAS, con soluzioni di targeting pre-bid per la viewability, le frodi, la qualità del traffico e la sicurezza del marchio.

La generazione verificata di impressioni di alta qualità ha acquisito sempre maggiore importanza nell’industria digitale, per questa ragione, fa notare Mediapost, i compratori di spazi pubblicitari hanno richiesto in maniera crescente verifiche e misurazioni da terze parti per assicurarsi trasparenza nei processi.

Gli strumenti di IAS disponibili sulla piattaforma di Adelphic riguardano l’inventario display, video e mobile in-app.

Zenith sfrutta il machine learning per il digital planning

Zenith sfrutta la tecnologia del machine learning per il digital planning, in modo da offrire agli inserzionisti miglioramenti nell’efficacia delle campagne, e ha sviluppato negli ultimi sei mesi, grazie a una task force di data scientist e specialisti strategici dell’azienda, un sistema di automazione per la pianificazione sul mezzo digital.

Un esempio, è il lavoro svolto per Aviva. Utilizzando campagne attive del cliente, la task force ha raccolto cookie data dall’infrastruttura tecnologica di una demand-side platform leader sul mercato. Gli specialisti, quindi, hanno fatto corrispondere alle informazioni dei cookie i rispettivi dati di vendita di prima parte: applicando l’algoritmo di machine learning di Zenith, il gruppo di lavoro è riuscito ad attribuire con precisione le conversioni in vendita a partire da specifiche interazioni digitali.

Il centro media è stato in grado, inoltre, di ottimizzare automaticamente la pianificazione digitale di Aviva alimentando nuovamente la demand-side platform con l’output del proprio algoritmo.

Il network di agenzie alimenta l’algoritmo con dati di prima parte riguardanti le leve che determinano la domanda, così che l’efficacia dei cambiamenti automatici nella pianificazione sia ulteriormente migliorata. In questo modo, fattori come l’influenza del prezzo sulle vendite o la bontà dei messaggi a livello creativo saranno inseriti nel flusso dell’ottimizzazione automatizzata. L’automazione radicale del digital planning proposta da Zenith, inoltre, è basata sulle tecnologie cloud: in questo modo, il cliente può mantenere la totale proprietà dei dati di prima parte, dall’inizio alla fine del processo.

Leggi l’articolo completo su Engage.it.

Adelphic e TripleLift partner per il Programmatic native

Adelphic, una demand-side platform mobile e cross-canale, ha stretto un accordo con TripleLift, azienda di Programmatic native, per mezzo del quale i compratori di pubblicità avranno accesso a fonti di inventario nativo su tutti i canali display.

Oltre a questo, essi potranno utilizzare le funzionalità cross-canale di targeting e ottimizzazione di Adelphic per erogare annunci nativi statici e video attraverso un flusso self-serve.

Secondo alcuni dati forniti dall’azienda di Programmatic nativo, quando hanno utilizzato pubblicità contestuale al posto di formati display tradizionali, gli inserzionisti hanno registrato un aumento dei tassi click-through fino al 100%, una riconoscibilità del marchio (brand awareness) tre volte più alta e una crescita dell’ingaggio del 250%.

Grazie alla collaborazione, utilizzando gli annunci non intrusivi di TripleLift, i clienti di Adelphic possono avere maggiori garanzie circa il fatto che i loro clic provengano da consumatori reali, che hanno espresso interesse, piuttosto che da azioni accidentali.

Le più lette

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial