Main partner:

Jobs

Watson incontra Einstein: IBM e Salesforce connettono la loro Intelligenza Artificiale

IBM e Salesforce hanno annunciato che connetteranno le loro piattaforme di intelligenza artificiale con l’obiettivo di perfezionare il targeting pubblicitario delle aziende.

Watson, il programma di IA del colosso globale dell’informatica, in grado di comprendere il linguaggio naturale, sarà integrato con Einstein, un’altra tecnologia di intelligenza artificiale che estrae dal software di customer relationship management della società di servizi B2b i dati sulle abitudini di acquisto e sulle spese dei clienti.

Combinando i dati, raccolti da Watson, sulle tendenze di vendita a livello locale con specifici dati dei consumatori, provenienti da Salesforce, i business clienti saranno in grado di veicolare campagne altamente targettizzate.

La collaborazione, effettiva dalla seconda metà dell’anno, consente ad IBM di utilizzare i servizi cloud di Salesforce per organizzare e razionalizzare la propria base clienti. Il valore dell’accordo non è stato reso noto.

 

Microsoft Dynamics 365 debutta in Italia: un’unica piattaforma cloud che integra molteplici applicazioni

Microsoft Italia presenta Microsoft Dynamics 365, la nuova piattaforma cloud che racchiude tutta l’esperienza Microsoft sul fronte CRM e ERP e integra applicazioni di business intelligenti in risposta alle esigenze di singoli ruoli professionali, funzioni e settori.

Sviluppata secondo un approccio modulare, la suite garantisce massima flessibilità e possibilità di personalizzazione per accompagnare le aziende nel proprio percorso di crescita, selezionando le applicazioni di business contenute nell’offerta in linea con le proprie priorità e traendo vantaggio dalle sinergie tra le applicazioni dell’ecosistema Microsoft e dei Partner. Dynamics 365 fa infatti leva su Microsoft AppSource, un marketplace che include già oltre 200 soluzioni, in cui le aziende possono scegliere on demand le applicazioni create dall’azienda guidata da Bill Gates e dalle società partner.

La storica offerta Dynamics evolve presentando una nuova suite di applicazioni di business che supera la tradizionale gestione a silos tra CRM e ERP per rispondere in modo puntuale a molteplici esigenze, includendo moduli quali Sales, Customer Service, Field Service, Operations e Project Service Automation.

«L’offerta Dynamics rappresenta un segmento molto promettente nell’ambito dell’offerta Microsoft: in Italia nell’ultimo anno ha registrato una crescita del 63% totale e una crescita del 191% sull’online, con un mercato che cresce del 17%. Strategico il costante investimento in Ricerca & Sviluppo per ripensare ERP e CRM alla luce degli attuali trend tecnologici e dell’odierno scenario di business, in modo da offrire sempre più valore alle aziende di tutto il mondo. Sono infatti oltre 375.000 le realtà che puntano su Dynamics su scala globale e il 60% delle Aziende Fortune 500 fanno leva sulle nostre soluzioni ERP e CRM come elemento di competitività», ha dichiarato Paola Cavallero, Direttore della Divisione Marketing & Operations di Microsoft Italia.

 

Marketing data-driven, il vero motore è il Customer Relationship Management

I marketer digitali del Nord America e dell’Europa Occidentale utilizzano tattiche differenti per potenziare le proprie attività data-driven, ma la maggior parte di essi impiega dati di customer relationship management (CRM) per meglio comprendere il profilo di un cliente.

Lo si evince da una ricerca di Adobe, che ha intervistato, in Canada, Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti, 735 professionisti appartenenti a diversi settori. Tutti i rispondenti provenivano da società con più di 500 impiegati.

crm

I 2/3 dei partecipanti ha dichiarato di aver usato dati di CRM per potenziare il marketing data-driven, mentre quasi la metà degli operatori in Nord America e Europa Occidentale ha utilizzato la definizione del pubblico (audience definition), una forma avanzata di segmentazione. Circa il 40% ha detto di integrare gli analytics sui diversi canali e quasi lo stesso numero di rispondenti ha adoperato i dati in tempo reale dagli analytics.

Conad investe nel marketing tecnologico: 10 milioni per i prossimi tre anni

Conad accelera sul fronte della pubblicità digitale e annuncia investimenti in forte crescita su web e social. «Nel 2016 abbiamo investito 36,5 milioni di euro in advertising, di cui circa il 10% utilizzati per la comunicazione digital», ha detto Giuseppe Zuliani, direttore customer marketing e comunicazione, a margine della presentazione a Milano delle iniziative solidali dell’insegna. «Questa percentuale, già in crescita, è destinata a continuare ad aumentare nel corso dei prossimi anni».

Il colosso della grande distribuzione organizzata, un giro d’affari 2015 di 12,2 miliardi di euro, una chiusura 2016 attesa in crescita di circa 4 punti percentuali e un investimento pubblicitario 2017 in linea o in leggero aumento rispetto a quest’anno, sta nel frattempo mettendo a punto un piano di valorizzazione dell’immensa mole di dati raccolti negli anni grazie alle carte fedeltà. «Stiamo ultimando in queste settimane il nostro database, uno strumento che rivestirà un ruolo centrale nei prossimi anni per definire le nostre strategie marketing e pubblicitarie».

Conad ha messo a budget inoltre per il triennio 2017-2019 un investimento da 10 milioni di euro per la messa a punto delle infrastrutture tecnologiche per le proprie politiche di customer relationship management, un progetto che si avvarrà della collaborazione dell’istituto Iri. Tutto questo lavoro di valorizzazione dei dati inciderà anche sulle strategie di comunicazione di Conad che, per quanto riguarderà i new media, «verteranno di più sul programmatic, una modalità di acquisto degli spazi alla quale già oggi ricorriamo».

Leggi l’articolo completo su Engage.it.