Main partner:

Jobs

Twitter, novità sulla gestione dei dati. Cosa cambia per gli inserzionisti?

Novità sul fronte dati e targeting in casa Twitter.

Il social network ha annunciato di aver smesso di supportare la tecnologia Do Not Track (DNT), che consente agli utenti di richiedere di non essere tracciati nel corso delle loro navigazioni in rete, e di avere invece avviato dei comandi sulla privacy più specifici.

Nello specifico, quello che cambia è come il social adesso condividerà i dati degli utenti con società terze e per quanto tempo conserverà i dati sulla navigazione: due fattori che di fatto consentiranno alla piattaforma di offrire ai suoi inserzionisti un targeting delle campagne ancora più preciso.

La piattaforma adesso potrà infatti conservare per 30 giorni, dai 10 di prima, i dati dei propri utenti, raccolti quando le persone navigano su siti con tweet embeddati o con pulsanti per la condivisione su Twitter. Allo scadere di questo intervallo di tempo, i dati (che in ogni caso non saranno associati al nome di una persona, al suo indirizzo email, al numero di telefono o all’account) saranno cancellati o aggregati.

Il social network ha annunciato inoltre di aver aggiornato le modalità di condivisione dei dati con società terze. Twitter, previo consenso dell’utente, potrà condividere informazioni non personali, aggregate o a livello di dispositivo mediante accordi di partnership con società terze, le quali potranno utilizzare i dati in loro possesso (inclusi quelli a loro rilasciati dagli stessi utenti) al fine di collegare alle informazioni fornite da Twitter altre informazioni personali come nome o indirizzo e-mail.

D’altro canto, il social ha messo ora a disposizione dei propri utilizzatori nuovi strumenti per il controllo dei dati forniti: gli utenti potranno fare opt-out su svariati tipi di utilizzo dei dati e modalità di condivisione degli stessi.

La piattaforma, dunque, non perde tempo e punta immediatamente a monetizzare al meglio un’utenza che, con sorpresa degli analisti, nel primo trimestre 2017 ha segnato una delle migliori performance di crescita degli ultimi anni. In occasione dell’ufficializzazione dei dati della trimestrale, Twitter ha reso noto di aver acquisito 9 milioni di nuovi utenti, passando da 319 a 328 milioni di utilizzatori mensili attivi.

Twitter, focus sui dati con l’arrivo dell’ex a.d. di Turn

In questi giorni, la società ha anche annunciato la nomina di Bruce Falck, ex amministratore delegato di Turn, a General Manager of Revenue Product. Un manager che porta in dote una forte esperienza in ambito dati e programmatic demand-side (ha anche lavorato in BrightRoll come direttore operativo): competenze che potrebbero rivelarsi molto utili a Twitter per trarre ancora più valore dalla propria utenza in ottica pubblicitaria.

Nuovo Senior Vice President of Product in Turn: è James Fellows

L’azienda ad-tech indipendente Turn ha nominato oggi, martedì 17 maggio, James Fellows come Senior Vice President of Product.

Fellows arriva da Appia, dove ha progettato un ecosistema pubblicitario e di applicazioni mobili in qualità di chief product officer, nel corso dell’acquisizione della società avvenuta nel 2015 da parte di Digital Turbine. Fellows vanta più di quindici anni di esperienza di leadership nel prodotto, inclusi ruoli esecutivi in Millennial Media, AOL e Advertising.com.

In Turn, Fellows guiderà l’intero sviluppo del prodotto all’interno della DSP, della DMP e delle piattaforme di analytics integrate di Turn; lavorerà anche alla realizzazione di nuove tecnologie pubblicitarie.

“L’esperienza di Jamie nella progettazione di sistemi cross-device e nella gestione di grandi squadre di lavoro lo rende ideale per guidare questa visione di prodotto in Turn”, ha affermato Bruce Falck, Ceo di Turn.

Turn ha un nuovo ceo: è Bruce Falck, già top manager di BrightRoll e Google

Turn ha un nuovo chief executive officer. Si tratta di Bruce Falck, ex chief operating officer di BrightRoll, oggi parte di Yahoo.

Precedentemente, Falck ha lavorato per otto anni in Google, occupandosi dello sviluppo dei business inerenti il digital advertising dell’azienda, tra cui Invite Media e Google Display Network e mietendo successi che non sono passati inosservati agli occhi dei boss di Turn.

«Bruce ha raggiunto risultati da record trasformando Google Display Network, DoubleClick Bid Manager e DoubleClick AdX in business multi milionari – ha dichiarato infatti Jim Barnett, founder e chairman di Turn -. Ora con Bruce nella nostra squadra l’azienda è pronta a premere sull’acceleratore e realizzare il suo pieno potenziale di piattaforma advertising indipendente su cui i professionisti del marketing di tutto il mondo possono contare».

Richard Robinson nuovo managing director EMEA di Turn

Bruce Falck sarà a capo di un team di executive che vede tra le sue fila anche delle new entry: Wendy MacGregor, primo chief revenue officer di Turn, precedentemente in AOL, e Richard Robinson, nuovo managing director EMEA, anche lui proveniente da un’esperienza in Google.

Richard-Robinson-managing-director-turn
Richard Robinson

Presso il gigante di Mountain View, Robinson era director of brand development ed era responsabile della trasformazione dei business attraverso l’impiego delle strategie digitali. Ancora prima, Richard è stato vice president di IDC dove si è occupato della gestione del business europeo della società di consulenza per i servizi marketing oltre a seguire la divisione servizi internazionale basata in EMEA.

Nel nuovo ruolo, Richard Robinson avrà la responsabilità di Europa, Medio Oriente e Africa, lavorando a stretto contatto con brand, agenzie e trading desk delle varie regioni. Sarà suo compito supportare i professionisti del marketing nell’uso dei big data per aumentare l’efficacia delle campagne, oltre a continuare ad accrescere la conoscenza del programmatic all’interno del comparto.

Fondata nel 2006, la piattaforma di ad-tech Turn attualmente collabora con oltre 5000 advertiser su scala globale, tra cui Accuen, American Express, AMNET, Dentsu, DirecTV, eBay, Experian, HP, Kia, Kraft, L’Oreal USA, Progressive Insurance, Sky Italia, StubHub, Thomas Cook e Zales.