Main partner:

Jobs

L’ultima novità di Teads: trasforma gli spot tv in video verticali per mobile

Trasformare uno spot televisivo in un video verticale per mobile. Da oggi è possibile grazie a Teads.

La società ha annunciato, con una nota ufficiale, un’innovazione della sua offerta tecnologica relativa ai vertical video, che ora comprenderà anche la possibilità, per tutti gli inserzionisti a livello globale, di trasformare le creatività televisive in video verticali adatti a una diffusione su mobile, con effetto 360 gradi, e di erogarli all’interno di property editoriali premium.

La modifica del formato sarà senza interruzioni e il risultato sarà un video “zoomato” visualizzabile su dispositivi Android e iOS, con un’inquadratura più ampia di quella dello schermo di uno smartphone, esplorabile come se fosse un video a 360 gradi.

La novità sarà disponibile gratuitamente per tutti i clienti di Teads e sarà anche accessibile a tutti i premium publisher che utilizzano l’ad server e la SSP della società.

Secondo uno studio di Teads, l’ad recall di un video pubblicitario verticale è 2,9 volte più alta di quella di una normale creatività televisiva orizzontale su mobile, e gli utenti esposti a spot verticali sono il 39% più favorevoli ad avere un’opinione positiva nei confronti del brand pubblicizzato.

«Teads comprende le sfide che le aziende devono affrontare in un mondo che sta diventando sempre più rapidamente mobile-first – commenta Bertrand Quesada, ceo di Teads -. Noi ci sforziamo, come sempre, di assicurare ai nostri clienti la capacità di stare davanti ai più recenti trend degli utenti, allo stesso tempo garantendogli di raggiungere le loro audience con formati video innovativi in contesti di contenuto premium. Siamo entusiasti di portare questo progresso nella industry e siamo convinti che avrà un enorme effetto sulla capacità dei nostri clienti di raggiungere gli utenti sui loro dispositivi mobile con successo».

Teads acquisisce Brainient, specializzata in tecnologie creative dinamiche per video

Teads, ideatore della pubblicità video outstream e primo video advertising marketplace al mondo, annuncia l’acquisizione di Brainient, compagnia inglese specializzata in tecnologie creative dinamiche per video e mobile. Iniziano dunque a vedersi i primi frutti dell’operazione annunciata a inizio agosto che ha permesso a Teads di raccogliere sul mercato un finanziamento di 43 milioni di euro (qui l’articolo dedicato).

Le tecnologie interattive e la Dynamic Creative Optimization (DCO) hanno lo scopo di associare in real-time il contenuto dell’annuncio pubblicitario al giusto profilo dell’utente, tenendo in considerazione dati socio-demografici, localizzazione, tipologia di schermo utilizzato, ora, condizioni metereologiche e ogni altro tipo di dato contestuale. Quando il messaggio è perfettamente targettizzato, le pubblicità interattive e dinamiche diventano molto più coinvolgenti per i consumatori e, di conseguenza, permettono agli advertiser di raggiungere risultati migliori.

Brainient ha sviluppato uno strumento creativo che permette ai brand, alle agenzie e ai publisher di arricchire i propri video con elementi interattivi e di ottimizzare il contenuto in modo da individuare il giusto profilo e le preferenze dell’utente. La tecnologia di Brainient è in grado di integrare dati di prima e terza parte provenienti da qualunque fonte, utilizzandoli per personalizzare gli annunci in real-time.

Con questa acquisizione, Teads offrirà un accesso integrato a Brainient a tutti i buyer del suo mercato, ottimizzando il processo di creazione e distribuzione di pubblicità video su larga scala per i propri clienti. Combinare il potenziale di Brainient con il mercato di Teads darà vita all’unica soluzione globale per la creazione e distribuzione di pubblicità video interattive su larga scala.

YouTube, Facebook, Instagram e Snapchat non supportano video interattivi nella propria offerta e altre video exchange stanno lottando per assicurare che gli annunci video interattivi, creati utilizzando le tecnologie di vari partner, possano funzionare efficacemente, senza grandi discrepanze, su tutti i diversi device, su schermi di varie dimensioni e con orientamenti differenti.

Brainient sarà re-brandizzata con il nome di Teads Studio e si comporterà come una business unit indipendente all’interno di Teads. Emi Gal, fondatore e ceo di Brainient si unirà a Teads in qualità di Ceo di Teads Studio e si trasferirò a New York.

Leggi l’articolo completo su Engage.it.

Gli obiettivi di Teads dopo il finanziamento di 43 milioni: acquisizioni ad-tech e crescita nel programmatic

Teads raccoglie nuove risorse finanziarie per continuare a crescere sul mercato anche attraverso acquisizioni e per sviluppare ulteriormente la sua presenza nel mercato asiatico.

Il gruppo, la prima realtà ad aver ideato formati video pubblicitari outstream e la prima piattaforma video SSP a livello globale secondo comScore, ha ottenuto un finanziamento di 43 milioni di euro da parte di un gruppo di banche formato da BNPP, Bank of China, HSBC, Banque Palatine e BPI.

Il finanziamento, si legge nella nota di Teads, sarà utilizzato per acquisire società ad-tech al fine di consolidare il proprio posizionamento in termini d’innovazione tecnologica nel mercato della pubblicità video e di espandere la società nel mercato asiatico.

«Sono davvero felice di vedere che le banche stiano supportando la nostra strategia di M&A e il consolidamento del nostro attuale posizionamento: primo video advertising marketplace al mondo», commenta Pierre Chappaz, Executive Chairman di Teads. «Questo importante finanziamento mostra la fiducia riposta nel management di Teads e le capacità della società di mantenere costante l’equilibrio tra crescita e profitto».

Teads può infatti contare su un bilancio in attivo da 4 anni.

Per quanto riguarda il mercato asiatico Teads ha oggi un ufficio in Giappone che sta crescendo rapidamente e ora, per guidare la politica di sviluppo nella regione, ha avviato un nuovo hub di base a Singapore affidandone la guida a Christian Guinot, che per il nuovo incarico in Teads lascia la carica di presidente di MEC Cina.

Ora, tra le prossime aperture, figura nel 2017 proprio la Cina. «Abbiamo già una forte presenza in tutti i più grandi mercati americani, europei e, recentemente, anche in Giappone. È giunto il momento per noi di diventare più presenti all’interno del mercato asiatico, solidificando le nostre operazioni globali, per offrire un servizio sempre migliore ai nostri clienti, brand, agenzie, trading desk e publisher», ha precisato Bertrand Quesada, Ceo Teads.

Intanto, nell’ambito della pubblicità video outstream, Teads si posizione come detto come prima piattaforma video SSP a livello globale (secondo comScore). Dopo questo round di finanziamento, evoluzioni sono attese quindi anche sul fronte programmatic: «La nostra attività programmatica sta crescendo molto rapidamente», spiega ancora Chappaz. «Abbiamo collegato 1,2 miliardi di utenti unici a tutte le principali DSP, in collaborazione con centinaia dei migliori editori di tutto il mondo. Attualmente, le revenue programmatiche rappresentano il 30% del nostro fatturato, mentre erano insignificanti l’anno scorso. Il nostro obiettivo ora è quello di arrivare a oltre il 50% nei prossimi trimestri».

Teads lancia il primo programma di certificazione per i video outstream in Programmatic

Teads, ideatrice dei formati video pubblicitari outstream e primo video advertising marketplace al mondo, ha annunciato la creazione di un programma di certificazione e formazione che offrirà ai compratori media la possibilità di acquisire in maniera completa le conoscenze relative al mondo degli annunci video outstream, che oggi rappresenta una delle soluzioni pubblicitarie in rapido sviluppo. Secondo un recente sondaggio effettuato dalla stessa società, circa il 70% dei professionisti del settore è concorde nell’affermare che l’outstream crescerà in maniera massiccia nei prossimi due anni.

Teads ha ideato una soluzione di video advertising che viene posizionata direttamente all’interno del contenuto editoriale, per rispondere alla mancanza di inventory video di qualità e per creare pubblicità più creative e sostenibili per gli utenti. Infatti, diversamente dai pre-roll, la pubblicità outstream è in grado di raggiungere l’utente in contesti editoriali di qualità e con un approccio sempre user-friendly. Il mercato del video outstream unisce qualità e quantità, raggiungendo 1,2 miliardi di utenti unici.

Con il programma di accreditamento e certificazione per il video Outstream, Teads punterà sulla sua profonda esperienza e sulle vaste conoscenze relative all’ottimizzazione delle campagne. Tutto questo per assicurare che gli advertiser siano ben preparati a fronteggiare le richieste che devono essere prese in considerazione quando si pianificano e si acquistano i formati outstream.

Paul Richardson-Owen, SVP, Global Lead presso Dentsu Aegis, ha affermato: “L’outstream è rapidamente diventato parte integrante dell’ecosistema video. Tuttavia, come spesso accade, la crescita e l’utilizzo dei nuovi media è ancora molto distante dalla conoscenza diffusa delle best practice e, per questa ragione, non vedo l’ora di assistere all’impatto positivo che il programma di certificazione di Teads avrà sia sul processo di standardizzazione, sia su un aumento dell’efficienza”.

Tim Libby, SVP, Group Director di Starcom, ha dichiarato: “Negli ultimi anni il video outstream è diventato parte integrante del nostro media mix, ma l’industria è in una continua fase di transizione. Grazie a questa opportunità, il mio team sarà in grado di comprendere l’evoluzione, così da garantire ai nostri clienti un servizio di qualità. A questo proposito, il programma di certificazione di Teads porterà un chiaro valore al settore, agendo come un modulo educativo che ci permetterà di esplorare e conoscere un ambiente, quello dell’online video advertising, ancora piuttosto nuovo”.

Un attestato che certifica le competenze nel video outstream

Il programma effettivo consiste in una sessione di training di mezza giornata e si risolverà in un certificato che attesta le competenze acquisite in materia video outstream. Teads fornirà training dettagliati a centri media e trading desk per illustrare come l’Outstream si inserisce nel media mix complessivo, per leggere e valutare le metriche dell’Outstream rispetto a quelle degli altri formati video, per spiegare passo dopo passo come acquistare in programmatic il formato, attraverso la propria DSP. Infine, darà accesso alla propria serie di insight e case studies.

“L’Outstream è la categoria con il più rapido tasso di sviluppo nel video advertising,” afferma Joshua Lowcock, EVP, Digital U.S. di UM. “Anche se c’è ancora un grande bisogno di informazione e insight su come meglio ottimizzare le campagne Outstream, in modo da garantire che questo formato sia utilizzato nel modo più efficace possibile. Non vediamo l’ora di prendere parte a questo programma: siamo assolutamente certi che i nostri team trarranno beneficio dall’expertise di Teads nella pianificazione e nell’acquisto di video in questo formato”.

“Grazie alla rapida crescita dei video Outstream, il settore si trova ora in una posizione cruciale, che rende necessario comprendere le opportunità che questa soluzione premium e user-friendly permette di avere”, dice Bertrand Quesada, CEO di Teads, “In quanto ideatori del formato Outstream, vogliamo assumerci il compito di fornire risorse e strumenti formativi al settore della pubblicità, che aiutino a massimizzare il valore di questa soluzione e a supportare in maniera sostanziale la crescita dell’outstream nel settore del video advertising”.

Teads si rafforza sul targeting grazie a un accordo con Digital Element

Teads, azienda leader nella fornitura di soluzioni per la pubblicità video nativa, rafforza le proprie capacità di targeting contestuale attraverso un accordo con Digital Element, player specializzato nelle tecnologie di geo-localizzazione tramite indirizzo IP. Teads adotterà la sua tecnologia NetAcuity Pulse per assicurare che la distribuzione dei video pubblicitari sia fornita alla giusta audience e in contesti e momenti rilevanti della loro esperienza di navigazione.

La tecnologia di Digital Element verrà integrata nell’inRead, un formato video adv proprietario di Teads, che viene posizionato fuori dallo streaming di altri video e inserito nel cuore di un contenuto editoriale. NetAcuity Pulse combina la connessione wi-fi con il traffico dati e analizza le infrastrutture Internet per fornire maggiori insight che possono essere utilizzati per aumentare reach, precisione e targeting, attraverso i codici postali in tutto il mondo. Questo dà la possibilità a Teads di raggiungere qualsiasi audience su qualunque dispositivo.

«I nostri prodotti richiedono un’affidabilità assoluta circa la fonte dei dati; e l’impressionante lista dei clienti di Digital Element è la prova del loro valore nella geo-localizzazione tramite indirizzo IP – ha commentato in una nota Bertrand Quesada, Ceo di Teads -. La geo-localizzazione tramite indirizzo IP di Digital Element, non solo completa la nostra offerta di prodotti, ma la espande in maniera assolutamente scalabile, dando la possibilità di essere utilizzata sia a livello globale, sia a livello locale. Un aspetto non trascurabile che eleva ulteriormente il nostro vantaggio competitivo all’interno del mercato».

Charlie Johnson, Vice presidente di Digital Element, Inghilterra & Irlanda, ha aggiunto: «Siamo felici di lavorare con Teads – game-changer della video pubblicità online – per aumentare il targeting contestuale della loro offerta video nativa. I publisher premium di livello superiore richiedono una pubblicità altamente rilevante per coinvolgere i propri lettori e questo verrà reso possibile grazie all’integrazione della nostra piattaforma di geo-localizzazione, che permette una precisione assoluta attraverso le diverse piattaforme».

Le più lette