Main partner:

Jobs

La società proprietaria di Adblock Plus debutta nel Programmatic

Dall’ad blocker al Programmatic. Eyeo, società tedesca proprietaria del ben noto filtro anti adv Adblock Plus (ABP) e creatrice del programma di whitelisting Acceptable Ads, ha annunciato il lancio di una piattaforma per l’acquisto di pubblicità in programmatic: una soluzione grazie alla quale sarà possibile raggiungere chi utilizza gli ad blocker.

Si chiama Acceptable Ads Exchange (AAX) e secondo quanto riporta AdExchanger, è stata in fase di alpha test per svariati mesi, durante i quali hanno potuto sperimentarla tre DSP, due europee e una americana, e alcuni editori globali. Secondo quanto rivelato dal CEO di Eyeo Till Faida, il network arriva già a coprire 40 dei 100 siti americani più trafficati, e il 20% dei principali 10 mila siti a livello mondiale.

La piattaforma consentirà alle aziende di raggiungere gli utenti che utilizzano i filtri anti adv Adblock Plus, AdBlock o Crystal, e che hanno optato per la visualizzazione dei soli annunci appartenenti all’Acceptable Ads Program. Secondo Faida, solo il 6-7% di chi usa Adblock Plus ha escluso ogni tipo di annuncio pubblicitario, inclusi quelli del programma. Acceptable Ads Exchange tratterrà il 20% della spesa effettuata sulla piattaforma.

Per eyeo non si tratta del primo esperimento in ambito programmatico. La stessa società proprietaria di Adblock Plus aveva annunciato esattamente due anni fa il lancio di un progetto simile, Acceptable Ads Platform. Si trattava di una sorta di SSP – realizzata in collaborazione con la piattaforma di vendita ComboTag – all’interno della quale gli editori potevano rendere disponibile la loro inventory qualora rispettasse i criteri di “acceptable ads” della società.

All’epoca il progetto aveva sollevato svariate polemiche intorno al suo business model, e alla fine non era andato in porto, anche per mancanza di partner. Il lancio infatti prevedeva il coinvolgimento di due partner di ComboTag, AppNexus e Google, come DSP di riferimento, ma le due società si tirarono immediatamente indietro, sostenendo di non avere nulla a che fare col progetto.

Adesso però secondo eyeo le cose sono diverse, e la società ha una buona base di utenti che non odia la pubblicità online tout court, ma comprende le dinamiche di sostentamento dell’editoria digitale ed accetta alcuni annunci. E dunque proporre dei filtri anti pubblicità da un lato e vendere inserzioni dall’altro non è più un paradosso. «Alcune persone odiano tutti gli annunci online, e non vogliamo certo convincerli ad approvare gli Acceptable Ads, ma abbiamo una base utenti che comprende le economie della rete e desidera un compromesso – ha dichiarato Faida -. Questo è uno dei motivi per cui mi auguro che stavolta questo nostro approccio non venga più considerato controverso».

Adblock Plus: ecco come funzionano le white list, e quanto si paga per essere ammessi

Adblock Plus fa luce sul funzionamento del programma Acceptable Ads, che consente ad alcuni siti di entrare in una whitelist dell’app, riuscendo quindi ad evitare i filtri del sistema e ad erogare pubblicità, in cambio di una fee.

Ben Williams, operations manager di Eyeo, società cui fa capo l’app, ha spiegato in un blog post ufficiale in che modo il sistema stabilisce quali editori possono entrare nel programma pagando una fee, e come questa stessa quota di partecipazione viene calcolata.

La prima discriminante sono le dimensioni del sito: un piccolo sito avrà accesso alla whitelist gratuitamente, uno grande dovrà farlo a pagamento. “Solo agli advertiser che contano di superare i 10 milioni di impression pubblicitarie incrementali al mese grazie al whitelisting sarà chiesto di pagare una fee”, scrive William. Questo vuol dire che “se il 5% degli utenti di un sito blocca la pubblicità, quel sito avrà bisogno di raggiungere 200 milioni di impression pubblicitarie per superare il limite dei 10 milioni”.

Secondo la società, tuttavia, il 90% dei membri dell’Acceptable Ads Program non raggiunge questo parametro, e dunque entra nelle whitelist gratuitamente. Al restante 10%, viene chiesto di pagare una cifra che normalmente rappresenta il 30% delle revenue adv create attraverso il whitelisting dei propri annunci.

Naturalmente, per entrare nelle “liste bianche” c’è un requisito di partenza, al di là della portata del sito e del pagamento della fee: gli annunci pubblicitari devono essere “acceptable”, ossia incontrare alcune linee guida fissate dalla stessa Eyeo e dalla sua community di adblockers, inerenti ad esempio la posizione dell’annuncio o il suo aspetto.

Leggi l’articolo completo su Engage.