Main partner:

SpotXchange nomina Leon Siotis Managing Director Regno Unito e Sud Europa

Siotis, che proviene da BrightRoll, entrerà a far parte dell’azienda a luglio con l’incarico di far crescere le attività l’adozione lato editori della piattaforma nelle aree di competenza

di Simone Freddi
25 giugno 2015
Leon-Siotis-spotxchange
Leon Siotis

SpotXchange, la piattaforma di fiducia di video advertising, ha nominato Leon Siotis managing director Regno Unito e Sud Europa. Siotis, che proviene da BrightRoll, entrerà a far parte dell’azienda a luglio con l’incarico di far crescere le attività di SpotXchange in quest’area, che comprende Regno Unito, Francia, Spagna, Italia e Turchia.

La notizia arriva a seguito della rapida crescita registrata da SpotXchange nel 2015 e della nomina di Elwin Gastelaars a managing director di Benelux e Paesi nordici e di Stefan Beckmann a managing director di Germania, Austria e Svizzera. I tre lavoreranno insieme per estendere in tutta Europa l’adozione della piattaforma di SpotXchange.

SpotXchangeSpotXchange si rivolge agli editori, cui offre una soluzione olistica che comprende ad serving, infrastruttura programmatica e servizi di analisi avanzati.«Il video programmatico è l’area dell’advertising in più rapida crescita. Il settore ha fatto progressi incredibili negli ultimi cinque anni, ma è comunque agli inizi e ha un enorme potenziale di crescita», ha detto Siotis. A lui farà capo sarà il team che fornirà consulenza agli editori sulla gestione degli introiti, che prevede anche la creazione di infrastrutture per deal privati e programmatico garantito.

 Siotis porta con sé nove anni di esperienza nel mondo dell’advertising digitale, maturata in aziende come BrightRoll, acquisita da Yahoo! nell’ottobre 2014, Rubicon Project, MySpace e AOL’s Advertising.com. In BrightRoll, per cui ha iniziato a lavorare nel 2011, ha contribuito alla costituzione del team e alla creazione del portafoglio clienti sul lato acquirenti e sul lato venditori. In precedenza aveva lavorato in Rubicon Project con Advertising Automation Platform e agenzie in tutta l’area EMEA per monetizzare gli inventari display degli editori leader in Europa, occupandosi anche del lancio dell’acquisto programmatico nella regione. Prima ancora aveva lavorato due anni per MySpace e per un breve periodo per Advertising.com.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette