Main partner:

Su Snapchat arrivano le videochiamate e un tool per taggare gli amici nelle Storie

Nella nostra rassegna anche il nuovo browser di Mozilla per dispositivi VR e AR e uno studio dell’ANA sull’influencer marketing

di Alessandra La Rosa
04 aprile 2018
snapchat

Oggi parliamo delle ultime novità di Snapchat e Mozilla e di una ricerca di ANA sull’influencer marketing.

Su Snapchat arrivano tag sulle Storie e videochiamate

Snapchat continua la messa a punto della sua piattaforma con nuove funzionalità per gli utenti. Adesso sul social sarà infatti possibile effettuare videochat di gruppo, coinvolgendo fino a 16 persone. Utilizzando l’icona della videocamera in una chat di gruppo sarà possibile effettuare la chiamata video e nel frattempo mandare messaggi o chat ai partecipanti. Il social ha anche annunciato la nuova funzionalità “Mentions” che consente di taggare gli amici all’interno delle Storie. Leggi di più su The Verge.

L’influencer marketing cresce, ma secondo le aziende non è sempre efficace

Secondo un recente studio dell’Association of National Advertisers (ANA) americana, solo il 36% delle azienda considera efficaci i propri investimenti in influencer marketing. Ciononostante, gli investimenti su questo canale di comunicazione sono in aumento: il 43% dei brand conta infatti di spendere di più nel 2019 in attività di influencer marketing, e il 27% di chi ancora non lo utilizza ha in piano di farlo nei prossimi 12 mesi. Tra le piattaforme vincono Facebook e Instagram. Leggi di più su The Drum.

Mozilla lancia un browser open source per dispositivi VR e AR

Mozilla punta su realtà virtuale e realtà aumentata col lancio di Firefox Reality, un nuovo browser specificamente pensato per chi utilizza dispositivi VR e AR. La maggior parte dei produttori di questo genere di device, come Oculus, Samsung e Microsoft, offre dei programmi di navigazione proprietari, che però non sono utilizzabili da dispositivi di altre aziende. Firefox Reality invece è un software trasversale, utilizzabile da hardware differenti, ed è open source, il che rende più semplice per le case produttrici adattarlo ai propri prodotti. Leggi di più su Venture Beat.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter