Main partner:

Sizmek si potenzia sul fronte mobile con l’acquisizione della DSP StrikeAd

L’operazione, che verrà finalizzata entro la fine del mese, è costata circa 12 milioni di dollari, e conferma l’attenzione della società nei confronti di un canale che nel Q1 2015 ha visto un raddoppio delle revenue

di Alessandra La Rosa
19 maggio 2015
sizmek_logo-Abakus-Attribution

Quasi 12 milioni di dollari (11,7 per l’esattezza). E’ questa la cifra spesa da Sizmek per l’acquisizione della DSP mobile StrikeAd.

Una mossa, ufficializzata in occasione della pubblicazione del bilancio Q1 2015 della società, che va nella direzione di un potenziamento dell’offerta sul fronte mobile, dopo l’acquisizione di Aerify, specializzata in mobile tracking e retargeting l’anno scorso.

Le revenue riferite al primo trimestre del 2015 hanno registrato un calo del 4% sullo stesso periodo del 2014, a quota 36,8 milioni di dollari, ma a perimetro omogeneo, il fatturato è cresciuto del 2%, a 39 milioni di euro. I prodotti chiave dell’offerta di Sizmek hanno visto importanti crescite: le revenue da in-stream video sono aumentate del 10% e i prodotti data-driven (che includono programmatic decisioning, viewability e verification) del 32%.

Ma è stato il mobile a fare la parte del leone, con un raddoppio (+103%) delle revenue sul Q1 2014. E a quanto pare, la società ha deciso di continuare a puntare strategicamente su questo canale, con una DSP dedicata.

La piattaforma StrikeAd sarà tenuta separata dalla già esistente MDX, ma verrà utilizzata come parte di un sistema demand-side capace di consentire alle aziende di costruire campagne, gestire i dati, targettizzare i consumatori, acquistare gli spazi e gestire e analizzare gli annunci in real-time.

StrikeAd continuerà a occuparsi dei suoi propri clienti che, inoltre, avranno accesso anche alla piattaforma di ad management di Sizmek.

Un’acquisizione, quella della DSP mobile, su cui Sizmek punta molto. Secondo quanto recita il bilancio, infatti, da questa operazione la società si aspetta un balzo delle revenue di 10 milioni di dollari, e una chiusura dell’anno tra i 188 milioni e i 193 milioni di dollari.

L’accordo dovrebbe essere finalizzato entro la fine di maggio.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette