Main partner:

Campagne cross-device più performanti: Rubicon Project e Tapad lanciano una nuova soluzione

I due player hanno annunciato l’avvio di un accordo globale, grazie al quale le aziende saranno capaci di estendere le loro campagne desktop su mobile, per annunci realmente cross-dispositivo

di Alessandra La Rosa
30 gennaio 2017
rubicon-project

Tapad e Rubicon Project hanno annunciato l’avvio di una partnership globale e il lancio di una nuova soluzione per le campagne cross-device in Programmatic.

Grazie all’accordo tra i due player, il Device Graph di Tapad, che consente alle aziende di estendere i loro dati display a dispositivi mobile associati, verrà integrato sull’ad exchange di Rubicon Project e sulla sua piattaforma Orders, “aumentando significativamente la reach mobile dei consumatori”, sottolinea la nota ufficiale.

“La nuova partnership globale – prosegue la nota – permetterà agli inserzionisti all’interno dell’exchange di Rubicon Project di selezionare e raggiungere le audience attraverso la loro intera esperienza digitale. Rubicon Project rappresenta uno dei più ampi mobile exchange del mondo, capace di connettere approssimativamente 1 miliardo di dispositivi mobili a livello globale”.

«L’erogazione cross-device è fondamentale per le aziende oggi, con più dell’81% degli utenti online che attualmente si affidano a più di un dispositivo per accedere a Internet – commenta Harry Patz, Chief Revenue Officer di Rubicon Project -. Attraverso questo accordo, gli inserzionisti saranno capaci di estendere le loro campagne desktop in private marketplace su mobile, raggiungendo il loro target su tutti i device e in tutto il mondo. Di ciò beneficeranno anche i venditori; l’aumento della reach mobile posizionerà meglio editori e sviluppatori di app nella monetizzazione delle loro inventory, facendo in ultima istanza aumentare i bid rate e le entrate da mobile».

«Grazie all’accordo con Rubicon Project, per la prima volta advertiser ed editori riescono ad utilizzare soluzioni cross-device realmente scalabili fuori dall’ambiente Google e Facebook», aggiunge Pierre Martensson, general manager della divisione dati e APAC di Tapad.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.