Main partner:

Rubicon Project si unisce a Google, Facebook e Yahoo per contrastare il "falso" traffico di pubblicità

Per la prima volta, alcuni tra gli operatori principali della digital industry, uniti nel Trustworthy Accountability Group, condivideranno collettivamente indirizzi IP fraudolenti o sospetti

di Alessandra La Rosa
24 luglio 2015
rubicon-project-logo

Rubicon Project si unisce ad alcune big della digital industry, tra cui Google, Facebook e Yahoo, per contrastare il “falso” traffico di pubblicità proveniente dai data center.

Per la prima volta, alcuni tra gli operatori principali dell’industria pubblicitaria, accomunati dalla volontà di impegnarsi a favore delle audience di qualità, condivideranno collettivamente indirizzi IP fraudolenti o sospetti.

La collaborazione, nata all’interno del Trustworthy Accountability Group (TAG), fornirà all’intera industry insight condivisi e aiuterà a rinforzare l’impegno per bloccare il traffico “finto”.

«Rubicon Project è felice di unirsi agli altri leader del mercato, contribuendo con il suo impegno di lunga data nella realizzazione di un ecosistema pubblicitario di alta qualità a uno sforzo collaborativo che aiuterà a migliorare l’intero marketplace pubblicitario – ha commentato Gregory R. Raifman, presidente di Rubicon Project e uno dei Founding Board Member del Trustworthy Accountability Group (TAG) -. Questa nuova iniziativa attiverà un impegno più efficace ed efficiente per bloccare il traffico pubblicitario illegittimo, direttamente alla sorgente e cioè prima che cominci ad entrare nell’ecosistema, aiutando l’intera industry a sviluppare un marketplace più pulito e di alta qualità per l’advertising digitale».

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette