Main partner:

Rubicon Project, bene i primi test dell’header bidding video

Attualmente in beta test aperto con vari editori, lo strumento FastLane for Video sarà reso disponibile in maniera completa nel corso di questo secondo trimestre dell’anno

di Alessandra La Rosa
06 aprile 2017
rubicon-project

Una crescita a doppia cifra dei CPM e un aumento di 10 volte della competizione per ogni impression, rispetto all’implementazione di un tag standard.

Sono alcuni dei risultati registrati dai primi test di Rubicon Project su FastLane for Video, la sua soluzione per l’header bidding video. Attualmente in beta test aperto con vari editori, lo strumento sarà reso disponibile in maniera completa nel corso di questo secondo trimestre dell’anno, integrato all’interno della soluzione FastLane per la display, in modo che un editore potrà utilizzare la stessa tecnologia per entrambi i formati. Rubicon Project supporta anche il wrapper open source Prebid.js, il che rende semplice per gli editori lavorare con più fornitori di header bidding qualora lo vogliano.

«Il video è, senza dubbio, il più eccitante, coinvolgente e popolare formato pubblicitario sul mercato. Essere capace di offrire una varietà flessibile di opzioni di header bidding video dà la capacità agli editori di migliorare il valore delle loro audience e di assicurarsi un maggiore investimento pubblicitario. Il successo che i nostri clienti hanno visto con Exchange API e FastLane for Video rivela tutto il potenziale dell’header bidding per il video come una modalità chiave per trarre maggior valore da un formato altamente impattante», commenta Tom Kershaw, Chief Technology Officer di Rubicon Project.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette