Main partner:

Retargeting sulle app: secondo le aziende è importante, ma si investe poco

Oltre la metà degli inserzionisti di app a livello globale acquista pubblicità per fare retargeting, e chi non lo fa ancora conta di farlo nei prossimi 12 mesi. Ma più di un terzo delle aziende alloca sul retargeting solo il 5% dei propri budget

di Alessandra La Rosa
06 ottobre 2016
app-retargeting

Il retargeting sulle app? Secondo gli inserzionisti è importante, ma i budget spesi su questo tipo di campagne sono ancora limitati.

Una ricerca condotta dalla DMP Apsalar insieme al fondo di venture capital Thomvest, ripresa su eMarketer, ha rivelato che oltre la metà degli inserzionisti di app a livelo globale acquista pubblicità per fare retargeting sugli utenti delle applicazioni, e chi non lo fa ancora conta di farlo nei prossimi 12 mesi (il 28%).

Solo il 5% dei 146 app marketer coinvolti hanno dichiarato di non fare retargeting e di non avere intenzione di farlo nell’immediato futuro.

emarketer-app-retargeting

Sull’importanza del retargeting, insomma, il consenso degli inserzionisti delle app è quasi unanime. Le aziende infatti concordano sul fatto che, nel mondo delle applicazioni, mantenere attivi gli utenti sull’app dopo il download non è cosa facile. E lo confermano anche i numeri: secondo una ricerca della società di misurazione adjust, solo una percentuale tre il 24% e il 29% di utenti iOS che ha installato un’app l’ha usata nuovamente 24 ore dopo il primo utilizzo.

Ma nonostante il retargeting sia una pratica diffusa, la maggior parte degli inserzionisti di app spende su questa tecnica una quota ancora molto piccola dei propri budget. Oltre un terzo alloca sul retargeting fino al 5% della propria spesa e circa un quarto vi investe dal 6% al 10%. Solo l’1% stanzia sul retargeting tra il 31% e il 50%, e un altro 1% tra il 51% e il 100%.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette