Main partner:

Qualità dell’inventory: Sovrn, RhythmOne e OpenX sul podio internazionale

Pubblicato il Global Seller Trust Index di Pixalate per l’aprile 2016. OpenX prima nel mercato USA, sia per il web che per le app

di Cosimo Vestito
13 maggio 2016
ranking-pixalate

Nella classifica internazionale del Global Seller Trust Index di Pixalate per aprile del 2016 (per la classifica relativa al mese di marzo, leggi l’articolo dedicato) si sono aggiudicate le prime tre posizioni l’azienda Sovrn, che ne ha guadagnate rispetto al mese precedente ben dieci, RhythmOne, che è scesa di un gradino, e OpenX, rimasta invariata al terzo posto.

Ma OpenX vince la medaglia d’oro nella classifica relativa al mercato americano. La nomina è avvenuta in quanto all’azienda è stata attribuita la qualità più elevata ed è stata ritenuta la realtà più fidata per l’inventory digitale negli Stati Uniti; inoltre, si è meritata per la prima volta il gradino più alto del podio nella categoria inventory app.

Pixalate Global Seller Trust Index è una classifica mensile di inventory pubblicitaria programmatica, basata sulla tecnologia proprietaria dell’azienda, che analizza più di cento miliardi di impressioni nell’arco di un mese. Le classificazioni globali di qualità sono basate su un’analisi del punteggio di network, punteggio di reach, punteggio di masking, tipologie di traffico non valido, traffico non valido generico, punteggio sul traffico non valido sofisticato, punteggi sulla viewability degli annunci e malware, in conformità con gli standard riconosciuti dall’industria. L’indice prende in considerazione una varietà di metriche, inclusi l’efficacia complessiva nella stima delle frodi, viewability, malware, coinvolgimento, masking del dominio e punteggi sull’inventory.

Nel 2015, OpenX ha mantenuto il primo posto nel Seller Trust Index per la web inventory per sei mesi consecutivi. La qualità del traffico è stata una pietra angolare per lo scambio pubblicitario di OpenX sin dal 2012, quando l’azienda guidava l’industria in una ininterrotta campagna per eliminare le frodi nel programmatico.

“La garanzia sulla qualità operata da una terza parte è critica per la crescita e il successo della pubblicità programmatica, e per noi è fantastico essere riconosciuti come azienda che mette la qualità prima di tutto il resto. È una conseguenza della nostra vigilanza continua per assicurarci che il nostro mercato sia libero da frodi e degno di fiducia da parte di compratori e  venditori sui diversi schermi”, ha detto a MediaPost John Murphy, Vice Presidente del Marketplace Quality in OpenX.

Per quanto riguarda l’Index di aprile, Jalal Nasir, CEO di Pixalate, ha detto che negli ultimi mesi sono emerse alcune tendenza chiave: “Per prima cosa, i responsabili delle frodi stanno diventando più furbi. C’è stato un incremento del 28% nelle tipologie di frodi più sofisticate nel T1 2016. In particolare, c’è stato un significativo aumento nell’appropriazione indebita di dispositivi direttamente via Trojan che utilizzano siti Doorway per generare le attività fraudolente. Questa per noi rappresenta una sfida perché quel tipo di attività è difficile da rilevare”.

D’altra parte, Nasir ha affermato che c’è stato un focus maggiore e alcuni progressi da parte delle piattaforme nell’affrontare tale problematica. “Questo impegno, insieme con gli sforzi intrapresi nella comunità dal lato acquisto, è essenziale per sventare gli sforzi di quelli che cercano di distruggere la fiducia nella pubblicità programmatica”.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter