Main partner:

Public-Ideas compie 10 anni e amplia l’offerta al programmatic

La società specializzata in performance adv inaugura i nuovi uffici milanesi e annuncia l’allargamento del proprio raggio d’azione. La country manager Francesca Pinzone: «Servizi a 360 gradi per coprire tutti gli obiettivi dei clienti. Per Public-Ideas, in Italia nel 2015 crescita nell’ordine del 15%»

di Simone Freddi
29 settembre 2015
francesca-pinzone-public-ideas
Francesca Pinzone

Public-Ideas, una tra le principali società specializzate in performance marketing a livello europeo con 34 milioni di euro di fatturato globale 2014 (+15% YoY) compie 10 anni e annuncia ufficialmente l’ampliamento della propria offerta con un pacchetto di soluzioni per il programmatic advertising.

Con questa integrazione nella propria offerta, Public-Ideas si propone di offrire servizi a 360° attraverso piattaforme di programmatic e performance fornendo un ventaglio di soluzioni in grado di coprire l’intero percorso digitale: dalla strategia all’implementazione, dal monitoraggio all’ottimizzazione.

In Italia la società, che conta su un team di 4 persone (cui se ne stanno aggiungendo altre due) capeggiato dalla country manager Francesca Pinzone, festeggia anche l’inaugurazione di una nuova sede al centro di Milano in via Savaré.

«In mondo digitale che cambia, Public-Ideas mantiene la sua anima “performance” ma allo stesso cavalca l’evoluzione del mercato anche grazie all’attenzione che da sempre abbiamo verso l’innovazione tecnologica: la nostra nuova Programmatic Marketing Platform è infatti stata sviluppata dal team di ricerca e sviluppo della società, che occupa oltre 20 persone (sulle 100 totali dell’azienda, ndr) nella sede centrale di Bordeaux e presenta caratteristiche peculiari, tra cui un trading desk indipendente», spiega Francesca Pinzone.

L’offerta programmatic di Public-Ideas si declina un’articolata gamma di soluzioni:

Branding: per la copertura del target, con formati e canali innovativi ed efficaci, strumenti di misurazione di impatto e ricordo della campagna, inventory premium, acquisto garantito e ambiente brand safe;

Prospection: metodologia che comprende strumenti per il raggiungimento mirato del target (uso di 1st & 3rd party data/Cluster Edit/Look Alike), DCO (banner dinamici contestuali, di prodotto, di rendimento), misurazione e analisi, pacchetti tematici (AdViewability, brand safety, white listing);

CRM Onboarding: segmentazione dell’audience adatta per l’inserzionista per rispondere ad esigenze di acquisizione nuovi clienti, riattivazione clienti inattivi, upselling di prodotto, conversione utenti offline verso online;

Scenario: tecnologia “cluster-edit” che permette la creazione di segmenti di audience praticamente infiniti (categorie di pagine visitate, abitudini di navigazione, tipo di contenuto editoriale visitato, tipo di contenuto grafico delle pagine, interazione utente – inserzionista);

Social: sviluppo della dimensione social in RTB tramite Facebook Exchange per reach addizionale.

Nel rapporto tra Public-Ideas e i propri clienti, il bilanciamento tra le soluzioni di programmatic e performance adv verrà valutato in base agli specifici obiettivi di comunicazione. Scegliendo, per esempio, il programmatic per campagne di awareness, prospection o retargeting, mentre i programmi di affiliazione resteranno la via maestra per obiettivi di lead generation o orientate alle conversioni o all’engagement.

«Abbiamo iniziato a luglio a proporre le soluzioni di Programmatic sul mercato, ma stiamo avendo riscontri positivi, con un paio di clienti già attivi. Anche se il nostro business resta centrato sul performance adv, ci aspettiamo che il Programmatic contribuisca in modo deciso alla nostra crescita, in linea con le aspettative del mercato per questo segmento. Secondo le ultime previsioni del Politecnico di Milano, il programmatic quest’anno crescerà in Italia con un tasso vicino alle tre cifre percentuali, e noi intendiamo stare in scia. Tutto questo permetterà a Public-Ideas di continuare a ottenere risultati di rilievo: quest’anno a livello sia globale, sia locale, ci attendiamo una crescita di nuovo nell’ordine del 15%», conclude Pinzone.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.