Main partner:

Pubblicità Video, i quattro principali trend 2019 secondo SpotX

Il mondo dell’adv video è in costante evoluzione, tra l’esigenza di trasparenza, le nuove aspettative degli utenti sui dati e la trasformazione della tv. Ecco il punto di vista della SSP

di Rosa Guerrieri
15 gennaio 2019
video-adv

Quello della pubblicità video è un mondo in grande fermento, che sta evolvendo profondamente sia nelle aspettative degli utenti che nei canali in cui vive. SpotX ha provato a tracciare i principali trend di questo mercato, nel suo nuovo report “2019 Video Advertising Trends”, in cui ha raccolto dati di terze parti, opinioni di inserzionisti, editori e altri operatori di settore.

Ecco quali sono i quattro trend che la SSP ha individuato:

  • La disponibilità di nuove offerte per i servizi video OTT;
  • La televisione tradizionale continuerà a trasformarsi per avvicinarsi sempre più al panorama digitale odierno;
  • L’evoluzione delle aspettative dei consumatori per quanto riguarda le esperienze pubblicitarie e l’utilizzo dei dati personali porterà a innovazioni nelle transazioni e nella distribuzione degli annunci;
  • Gli sforzi legati a trasparenza e compliance stimoleranno maggiori investimenti nella gestione dei dati.

«Dal report si evince che quest’anno inserzionisti ed editori dovranno essere più che mai flessibili e pronti al cambiamento sia che si tratti di diversificare la spesa pubblicitaria o di cercare nuove opportunità globali per aumentare il valore della propria inventory – commenta Mike Shehan, co-founder e CEO di SpotX -. La riservatezza dei dati rimane una delle principali preoccupazioni per gli stakeholder e l’intero settore dovrà conformarsi alle nuove normative. Tuttavia, il 2019 ci riserverà opportunità interessanti grazie alla tecnologia che continuerà a migliorare infondendo nuova fiducia per il futuro: basta pensare ai progressi nell’Addressable TV e all’abilitazione dei dati nelle OTT».

Mike-Shehan-spotx
Mike Shehan, Ceo e Co-fondatore di SpotX

La ricerca ha individuato inoltre altri fattori chiave, tra cui:

  • Le abitudini dei consumatori a livello globale guideranno l’innovazione delle OTT;
  • Migliori esperienze pubblicitarie per i consumatori, grazie all’avanzamento del targeting per gli inserzionisti;
  • I fornitori di OTT, MVPD virtuali, telco e altro, cercheranno di espandersi in nuovi mercati globali;
  • Gli editori faranno leva sui dati di prima e terza parte per aumentare il valore della propria inventory;
  • Si registrerà una crescita del live advertising man mano che continuerà la convergenza tra TV tradizionale e OTT;
  • Editori e inserzionisti cercheranno soluzioni per il crescente problema legato all’ad fraud;
  • Ci saranno nuove iniziative per aumentare la trasparenza nel settore e ottimizzare l’accesso all’inventory degli editori.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.