Main partner:

Pubblicità digitale: frodi e viewability frenano lo sviluppo

Una ricerca rivela che click fraudolenti, traffico di bot, visibilità e in generale i temi collegati alla questione della trasparenza sono quelli che preoccupano di più chi pianifica e acquista spazi online

di Alessandra La Rosa
01 giugno 2016
digital-advertising

Impression fraudolente e viewability. Sono queste le principali preoccupazioni che affliggono aziende e agenzie media che pianificano e acquistano spazi digital.

A rivelarlo è una ricerca di MyersBizNet, che nel mese di aprile ha intervistato 357 responsabili marketing e pubblicità americani, tra aziende e centrali media, chiedendo il loro grado di preoccupazione su una serie di criticità tipiche della pubblicità online.

La maggioranza di aziende e agenzie ha segnalato i click fraudolenti, il traffico di bot e il fenomeno dell’ad blocking come preoccupazioni, ma in tutti e tre i casi le percentuali maggiori erano quelle dei brand. La situazione si capovolge invece, nel caso della mancanza di dati sulle audience e dell’alta frequenza di esposizione, dove le maggiori preoccupazioni vengono da parte delle agenzie media.

In assoluto, sembrano essere temi variamente collegati alla questione della trasparenza quelli che sembrano affliggere di più gli spender pubblicitari online.

digital-advertiser-concerns

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette