Main partner:

P&G punta a tagliare del 50% la sua spesa in pubblicità digitale “sprecata”

Nella nostra rassegna di oggi anche due studi che misurano l’appeal pubblicitario di Snapchat Discover e l’efficacia del mezzo radiofonico

di Alessandra La Rosa
07 marzo 2018
marc-pritchard-procter-gamble
Marc Pritchard

I tagli di P&G in media digitale “wasted”, l’appeal pubblicitario di Snapchat Discover e l’efficacia del mezzo radiofonico. Sono questi oggi i protagonisti della nostra rassegna.

P&G punta a tagliare del 50% la sua spesa in pubblicità digitale “sprecata”

Procter & Gamble prosegue la sua strategia di taglio dei costi pubblicitari. In occasione di un incontro con l’ISBA, l’associazione degli inserzionisti britannici, il capo del marketing globale della multinazionale Marc Pritchard ha dichiarato di avere intenzione di promuovere una maggiore efficienza negli acquisti pubblicitari della sua azienda, con un taglio del 50% della spesa in media digitale “wasted”, ossia in pubblicità online che non arriva al giusto pubblico. La società ha già diminuito del 20% gli sprechi nei suoi acquisti adv, attraverso un uso oculato dei propri dati proprietari a fini di targeting. Ma adesso ha intenzione di fare ancora di più. Leggi di più su The Drum

Quasi 400 inserzionisti hanno acquistato spot video su Snapchat Discover

Sono quasi 400, 397 per l’esattezza, i brand che hanno acquistato pubblicità video sui canali Discover di Snapchat tra novembre 2017 e gennaio 2018. Lo rivela una ricerca di MediaRadar, che offre anche uno spaccato delle tipologie di inserzionisti: circa la metà (48%) erano società di media e intrattenimento, il 13% aziende tecnologiche e il 12% retailer. Sorprendentemente, i brand del settore beauty hanno rappresentato solo il 7% della torta. Leggi di più su Marketing Land.

La radio è un mezzo efficace?

La radio è un mezzo pubblicitario storico, e negli ultimi tempi, complici anche digital e programmatic, sta vivendo una seconda giovinezza. Ma è un canale realmente efficace? La risposta è sì, secondo quanto rivela uno studio del network radiofonico Westwood One, realizzato insieme a Nielsen Catalina Solutions. Secondo la ricerca, che ha misurato la risposta in termini di vendite di brand di beni di consumo che hanno acquistato spot radiofonici, ad ogni dollaro speso in pubblicità sul mezzo sono corrisposti ben 12 dollari di vendite. Leggi di più su AdWeek.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.