Main partner:

Private Marketplace: da IAB un'infografica per valutarli

Per aiutare gli spender pubblicitari nell’acquisto di inventory in programmatic, lo IAB ha realizzato una “checklist” con una serie di punti da considerare sui Private Marketplace

di Simone Freddi
22 settembre 2015
IAB_Logo

Private marketplace: si o no? Per aiutare gli spender pubblicitari a valutare l’acquisto di inventory pubblicitaria in programmatic, la sede amriecana di IAB ha realizzato una “checklist” con una serie di punti da considerare prima di procedere.

L’elenco – diffuso sotto forma di infografica – è opera dei membri dello IAB Programmatic Council, con la partecipazione di publisher, ssp, dsp e media buyers, tutti insieme all’insegna della trasparenza.

L’iniziativa è stata condotta con l’obiettivo di dare vita a uno strumento di valutazione semplice da usare e utile per i buyer, i seller e in generale per tutti gli attori coinvolti nei private marketplace. “Lo scopo della checklist – ha precisato IAB – è quello di assicurare che domanda e offerta siano allineati sugli obiettivi da raggiungere attraverso il private marketplace e sulle leve appropriate per farlo, cercando di capire se questo sia il canale adatto o meno”.

Attraverso la checklist – cha appare come una sorta di roadmap per valutare le caratteristiche di un private marketplace in funzione dei propri obiettivi di comunicazione – l’inserzionista e la media agency sono invitati a valutare se la propria campagna ha obiettivi di branding o di direct response, che tipo di inventory e di trasparenza sta cercando, le modalità finanziarie preferite e così via.

IAB_Private_Marketplace-Checklist

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette