Main partner:

Il modello d’asta first-price? Per i buyer non è vantaggioso. I dati di Hearts & Science

Secondo uno studio dell’agenzia media di Omnicom, con questa modalità le aziende vedono i CPM aumentare fino al 50% in più. Meglio un approccio second-price “controllato”

di Alessandra La Rosa
15 ottobre 2018
header-bidding

Da circa un anno a questa parte, svariate società di programmatic – tra cui Rubicon Project, Improve Digital e OpenX – hanno deciso di puntare sul metodo first-price per l’assegnazione delle aste sulle loro piattaforme. Un cambiamento motivato dall’intenzione di garantire una maggiore trasparenza nei processi d’asta, più possibilità di scelta per gli inserzionisti e una migliore monetizzazione per i venditori.

Ma tali aste “primo prezzo” sono davvero la soluzione migliore per il mercato? Secondo un recente studio di Hearts & Science, media agency di Omnicom, no. Soprattutto per i programmatic buyer, che con questa modalità d’asta vedono i CPM aumentare fino al 50% in più.

Secondo la società, si tratterebbe di un metodo poco equilibrato, ma l’alternativa auspicabile non è certo quella di tornare nuovamente al tradizionale metodo second-price, con tutti i suoi problemi di trasparenza e bid density, quanto piuttosto l’adozione di un modello second-price “controllato”.

Secondo Ben Hovaness, executive director of digital activation di Hearts & Science, tale nuovo modello d’asta dovrebbe rispettare in particolare due condizioni. Innanzitutto, chi conduce le aste deve essere verificato da una società terza, al fine di assicurare che non gonfi artificialmente i prezzi di aggiudicazione dell’asta. In secondo luogo, la industry dovrebbe risolvere il motivo che ha portato alla proliferazione delle aste “primo prezzo”, ossia la creazione – imputabile all’header bidding – di un procedimento d’asta in due passaggi dove non sempre l’offerta più alta vince.

Secondo il manager dell’agenzia media, un’asta second-price in cui le SSP trasmettono tutte le offerte e l’editore conduce l’asta potrebbe risolvere il problema.

In attesa che il tempo e la collaborazione tra operatori porti a una progressiva adozione di tale modello avanzato, secondo Hearts & Science la cosa migliore per le aziende sarebbe quella di investire laddove possibile in aste “secondo prezzo” e condurre accordi in private marketplace con editori chiave.

A questo link è possibile accedere allo studio completo della società.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.