Main partner:

MediaMath nomina un nuovo Cfo e pensa all’IPO

L’ingresso di Rich Schmaeling, grande esperto di mercati finanziari, nel board avvicina la DSP alla borsa. Il ceo Joe Zawadzki: «L’ipotesi non ci è estranea»

di Simone Freddi
31 agosto 2015
MediaMath-Logo

Aria di cambiamenti in casa MediaMath, una delle maggiori società del comparto ad tech a muoversi ancora sul mercato come realtà indipendente e non quotata. Forse ancora per poco: lo sbarco in borsa, infatti, potrebbe essere abbastanza vicino.

Va in questa direzione l’arrivo di diversi nomi di spessore nel management della società, fondata nel 2007 e inserita tra i leader del mercato DSP nel Forrester Wave 2014, tra cui il recentissimo ingresso di Rich Schmaeling come Cfo. Shmaeling è grande esperto di mercati finanziari così come lo è Peter Piazza, arrivato a giugno come General Counsel.

Tutto questo lascia pensare che la strada della borsa per MediaMath possa essere imboccata a breve, come del resto ha lasciato intendere anche il ceo della società Joe Zawadzki, parlando a proposito dell’arrivo di Schmaeling: «Abbiamo assolutamente voluto qualcuno che avesse dimestichezza con tutte le opzioni che abbiamo di reinvestire i nostri profitti per continuare a espandere il business», ha spiegato il manager. «Vogliamo fare uso della sua esperienza nel mercato azionario perché l’ipotesi di un’IPO, per diventare un’azienda quotata, non è ci è estranea».

L’IPO, ha precisato Zawadzki, non sarebbe comunque imminente e tutte le opzioni sono sul tavolo, inclusa quella di continuare da soggetto privato la politica di investimenti mirati che ha consentito alla società di finalizzare sei acquisizioni lo scorso anno.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette