Main partner:

L’Intelligenza Artificiale al servizio della pianificazione. Ecco MediaMatic

La nuova agenzia del gruppo Marketing Multimedia sfrutterà una tecnologia proprietaria, sviluppata in collaborazione con il Politecnico di Milano, per ottimizzare in tempo reale gli investimenti delle campagne pubblicitarie. Previste attività di acquisto in Programmatic

di Cosimo Vestito
24 novembre 2016
roberto-silva-coronel-ok

«La nostra bambina». Così Roberto Silva Coronel, CEO e founder di MMM Group, ha soprannominato la nuova nata in casa Marketing Multimedia: l’agenzia MediaMatic, una start-up caratterizzata da una soluzione proprietaria di Intelligenza Artificiale  e con un forte orientamento ai risultati.

L’agenzia, che sarà guidata da Enrico Dellavalle nel ruolo di direttore generale, completa l’offerta di MMM Group assieme a PrimeWeb, DigitalEvents e UltraRetail e si presenta al mercato con una proposta innovativa frutto di un accordo, in corso già da alcuni mesi, col Gruppo di Ricerca in Intelligenza Artificiale del Politecnico di Milano.

L’obiettivo di fondo della collaborazione, che seguirà un cronoprogramma di 18 mesi, è quello di definire sistemi ed algoritmi di intelligenza artificiale utilizzabili per l’ottimizzazione in tempo reale degli investimenti pubblicitari nel digitale, nello specifico nei canali search, social e display in Programmatic. Il modello MediaMatic si basa attualmente su un processo costante di apprendimento e raffinazione delle campagne, che consente di analizzare e sfruttare in tempo reale tutti i principali parametri, sia intra-canale che cross-canale, al fine di individuare e mantenere il punto di equilibrio tra investimento e obiettivo. Grazie all’applicazione dell’IA questo meccanismo sarà ottimizzato automaticamente e i dati generati saranno ricalcolati ogni 6h e riportati nel sistema al fine di garantire miglioramenti incrementali continui.

«Lo sviluppo di tecniche informatiche per l’automazione di processi economici, quali il pricing o l’allocazione del budget, è uno dei problemi di maggior interesse attualmente nella comunità scientifica internazionale in Intelligenza Artificiale e Machine Learning. I principali ricercatori di questo settore collaborano con importanti aziende, potendo sfruttare così grandi moli di dati e potendo analizzare le prestazioni delle loro ricerche in tempo reale. La scelta di lavorare con MMM va esattamente in questa direzione, con la finalità di poter sperimentare strumenti che sono sulla frontiera scientifica in contesti reali», Nicola Gatti, Docente di Sistemi informatici del Politecnico di Milano.

Leggi l’articolo completo su Engage.it.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.