Main partner:

La brand safety è ancora un problema per le aziende?

Il tema è al centro di una serie di studi. Ne parliamo nella nostra rassegna, insieme a due news in ambito video di Apple e Google

di Alessandra La Rosa
12 marzo 2019
brand safety

Oggi nella nostra rassegna parliamo di brand safety e di due notizie in ambito video di due colossi del digital: Apple e Google.

La brand safety è ancora un problema per le aziende?

Secondo uno studio di GumGum e Digiday condotto lo scorso novembre, la brand safety è un problema serio per il 60% dei professionisti della pubblicità. Una percentuale sicuramente elevate, ma tuttavia molto più bassa rispetto al 2017, quando era del 90%. Le preoccupazioni delle aziende riguardo alla sicurezza dei brand stanno diminuendo? Apparentemente sembrerebbe di sì, ma in realtà non è così. «Meno aziende vedono la brand safety come un problema serio perché tutti quelli che operano nell’ecosistema pubblicitario hanno preso nel tempo provvedimenti per fronteggiare la questione», spiega il presidente di GumGum. E in effetti, altri studi rivelano una preoccupazione ancora ben diffusa. Leggi di più su eMarketer.

Apple, il 25 marzo la presentazione del nuovo servizio streaming?

Il 25 marzo sarà una data importante per Apple. La società di Cupertino ha fissato proprio per quel giorno un grosso evento presso la propria sede, e secondo indiscrezioni proprio in questa occasione dovrebbe essere presentato il nuovo servizio di news e video in abbonamento con cui l’azienda entrerà in competizione con Netflix. Leggi di più su Venture Beat.

Google rafforza YouTube TV con un nuovo global head of partnerships

Viene da NBCUniversal il nuovo global head of partnerships di YouTube TV e Google Fiber, Lori Conkling. Nel nuovo ruolo all’interno della piattaforma video di Google, la manager si occuperà delle strategie di programmazione, inclusa la negoziazione di tutti gli accordi inerenti i contenuti con l’ecosistema delle pay-TV, inclusi broadcaster, cable network, canali regionali sportivi e così via. Sarà anche il principale rappresentante di YouTube TV con associazioni di mercato, influencer, inserzionisti, partner distributivi e creatori di contenuti. Leggi di più su Variety.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.