Main partner:

Intelligence emotiva: ecco come l’Intelligenza Artificiale prevede i nostri sentimenti

La tecnologia può aiutare i brand a riconoscere pensieri ed emozioni dei consumatori per comunicare nel momento giusto? Sì, secondo Enrico Quaroni

Enrico Quaroni, Regional Director Southern Europe and MENA Region di Rocket Fuel
03 maggio 2017
rocket fuel-quaroni

Ad aprile, Facebook ha svelato al mondo il progetto della sua divisione di ricerca Building 8: esplorare la possibilità di comprendere il pensiero umano grazie a una tecnologia basata su sensori. Il dipartimento sta, infatti, lavorando a un’interfaccia “brain-to-computer” che permetta alle persone di comunicare col pensiero con PC o notebook e a una tecnologia in grado di “ascoltare” tramite le vibrazioni della pelle.

Il risultato di questi studi potrebbe essere particolarmente importante per i professionisti marketing, il cui successo dipende da una profonda comprensione di desideri, motivazioni e comportamenti dei consumatori per creare messaggi personalizzati, rilevanti e persuasivi. Tuttavia, una tecnologia in grado di riconoscere le emozioni dei clienti online con un’elevata accuratezza esiste già.

Sebbene il momento in cui gli inserzionisti potranno rispondere automaticamente alle emozioni umane sia ancora lontano, l’intelligenza artificiale è in grado di collegare le esperienze degli utenti con i loro sentimenti in uno specifico momento. Rocket Fuel utilizza l’intelligenza artificiale per comprendere il comportamento dei consumatori ed esaminare miliardi di dati per prevedere il momento e il posto esatto in cui è più probabile che un utente risponda a una pubblicità. Nonostante non sia in grado di dire con certezza se l’utente sia arrabbiato, felice o dell’umore giusto per effettuare un acquisto, l’intelligenza artificiale riesce a processare moltissimi dati in tempo reale per identificare il momento esatto in cui è più ricettivo al messaggio, prodotto o offerta dell’azienda.

L’intelligenza artificiale ci aiuta a identificare gli schemi comportamentali e prevedere il prossimo passo del customer journey degli utenti. Questo non rende solamente la pubblicità scalabile, efficiente ed economicamente vantaggiosa, ma risolve anche un problema che il marketing tradizionale non è stato in grado di affrontare: come consegnare la giusta informazione alla persona giusta nel momento migliore.

Gli utenti apprezzano la pubblicità quando li aiuta a trovare i prodotti e i servizi desiderati. Secondo la recente indagine globale di Rocket Fuel “Consumer Perceptions of AI”, due consumatori su tre – e quasi l’80% dei Millennial – affermano di comprendere i vantaggi dell’intelligenza artificiale usata per proporre pubblicità e offerte personalizzate. La capacità di inviare messaggi pertinenti dipende dalla qualità dei dati e dalla giusta tecnologia che aiuti a organizzare e usare le informazioni. Con l’intelligenza artificiale, è possibile utilizzare i dati proprietari, non acquistati, per comprendere il comportamento degli utenti. Inoltre, è possibile identificare il momento esatto – basato sul loro stile di vita, sul carattere e sul probabile umore – per veicolare una pubblicità che gli utenti sono felici di ricevere. Questo livello di personalizzazione consente di ottenere un maggior engagement, brand awareness e ROI, oltre a un inferiore costo per acquisizione.

Le partnership che stiamo avviando ci permettono di portare il Moment Scoring a un livello superiore. Grazie alla recente integrazione della tecnologia Watson Discovery di IBM nella nostra piattaforma di predictive marketing, aiutiamo gli inserzionisti a riconoscere il sentiment delle notizie di attualità online e prendere decisioni in tempo reale. L’integrazione consente così alle aziende di ottenere un maggior controllo sulla loro associazione a specifiche keyword o notizie e di avere una visione più completa di dove e quando appaia il loro brand.

Proprio come desidera fare Facebook, il marketing basato sull’intelligenza artificiale è fondato su una profonda comprensione delle persone, delle loro necessità, preferenze e persino emozioni. Grazie al machine learning è possibile ottenere insight più granulari su cosa porti gli utenti ad agire, cliccare o effettuare un acquisto e usare la stessa tecnologia per raggiungere la persona giusta nel momento ideale. Inoltre, tutto questo può essere fatto in tempo reale, su scala e velocemente. Questa trasformazione cambierà il modo in cui marketer e agenzie pensano al loro business e sviluppano la loro strategia marketing. Per l’utente finale, invece, significa ricevere messaggi capaci di anticipare i suoi stati d’animo e comprendere i momenti in cui è più felice di rispondere. Al contempo, aziende e team marketing ottengono un maggior controllo, creano più engagement, riducono le opportunità perse e creano comunicazioni significative per i consumatori, anche se non sono telepatiche.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.