Main partner:

Integral Ad Science investe nell’anti-frode: acquisita la società specializzata Swarm

Il player porta in dote competenze avanzate nel campo della bot detection. Elisa Lupo, Director Italy di IAS: «Un’operazione che ci consente di essere sempre all’avanguardia in un settore in continua evoluzione»

di Alessandra La Rosa
14 luglio 2016
integral-ad-science

Integral Ad Science compie un passo in avanti nella battaglia contro le impression fraudolente.

La società di misurazione ha annunciato infatti di avere acquisito Swarm, azienda specializzata nell’individuazione e prevenzione del traffico fraudolento in real-time. L’operazione consentirà ad Integral Ad Science di integrare all’interno della propria offerta nuove competenze avanzate nel campo della bot detection: il team di Swarm si unirà a quello di Integral Ad Science come parte del Fraud Lab della società.

«Negli ultimi 18 mesi abbiamo fatto numerose ricerche di tecnologie di side channel analysis – ha commentato Scott Knoll, CEO di Integral Ad Science -. Siamo entusiasti, in queste ricerche Swarm ha offerto le migliori side channel analysis complementari alle nostre. Questo, combinato con le nostre competenze in ambito big data, ci dà un enorme vantaggio».

«La nostra tecnologia si integrerà perfettamente con le competenze di fraud detection di Integral Ad Science», ha aggiunto Gregg Miaskiewicz, co-founder e CEO di Swarm.

L’acquisizione di Swarm è un’ulteriore conferma degli sforzi di Integral Ad Science per combattere quello che tante volte, per inserzionisti e venditori, è un freno all’adozione del Programmatic. Contattata da Programmatic Italia, Elisa Lupo, Director Italy di Integral Ad Science, ha voluto sottolineare il significato dell’operazione per il player: «Questa acquisizione conferma ulteriormente l’interesse da parte di Integral Ad Science nell’essere sempre all’avanguardia in un settore in continua evoluzione come quello delle frodi pubblicitarie. Il nostro obiettivo è quello di aiutare i nostri clienti diretti, centri media, publisher e concessionarie a capire come utilizzare le tecniche piu evolute per prevenire ed evitare di essere associati a questo tipo di environment».

Sempre in tema anti-frode, Integral Ad Science ha recentemente sviluppato una soluzione insieme a Innovid, capace di bloccare l’erogazione di annunci fraudolenti sulla piattaforma di video marketing. Secondo la società di misurazione, nell’ultimo trimestre circa il 10% di tutta l’inventory video è riconducibile a bot fraudolenti.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette