Main partner:

IAB Tech Lab, arriva un nuovo standard per l’header bidding

Il documento è stato disegnato per creare un framework concreto per l’applicazione di una tecnologia sempre più diffusa. Copre tre differenti aree di interesse

di Rosa Guerrieri
19 giugno 2017
header-bidding

Dallo IAB Tech Lab arriva un nuovo standard per l’header bidding, volto a stabilire i requisiti necessari per supportare l’adozione della tecnologia.

Il documento, dal titolo “Standard Header Container Integration with an Ad Server“, fornisce informazioni su best practice, “utili a standardizzare come header tag e container interagiscono con gli ad server – recita la nota ufficiale di IAB – ponendo le basi per l’applicazione di tecnologie più avanzate man mano che l’innovazione spingerà il mercato”.

Il nuovo standard è globale, e fornisce una guida tecnica utile per l’implementazione dell’header bidding su scala mondiale. «L’header bidding è un’area a rapida espansione nell’ad tech, e il suo sviluppo ha portato all’immediato bisogno di uno standard tecnologico – commenta Alanna Gombert, Senior Vice President, Technology and Ad Operations di IAB, e General Manager di IAB Tech Lab -. Questo standard globale è stato disegnato per creare un framework concreto per questa tecnologia, consentendo al mercato di trarre beneficio da un protocollo coerente di header bidding capace di andare oltre i confini del fenomeno».

Il documento, a disposizione dei commenti pubblici fino al 28 luglio 2017, copre tre principali aree di interesse: i line item; le informazioni passate dall’header bidder all’ad server; e la reportistica e le discrepanze.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette