Main partner:

Google Chrome, rimandato il blocco degli spot in autoplay con audio acceso

Ne parliamo nella nostra rassegna, insieme alle novità di Facebook sul fronte analytics e ai trend di un mercato in crescita: quello dei podcast

di Alessandra La Rosa
17 maggio 2018
chrome-ad-blocker

Mentre il mercato dei podcast cresce, Google Chrome e Facebook annunciano delle novità. Ne parliamo nella nostra rassegna di oggi.

Google Chrome, rimandato a ottobre il blocco degli spot in autoplay con audio acceso

Google Chrome fa una parziale marcia indietro sul blocco degli spot in autoplay. Qualche tempo fa, Big G aveva annunciato che la nuova versione del suo browser avrebbe previsto il blocco automatico degli annunci video in auto-play e con audio attivato. La mossa, però, aveva creato non pochi problemi agli sviluppatori di app e giochi, un gran numero dei quali aveva riscontrato problemi nel funzionamento dei propri software. Il blocco, pensato per gli spot che partivano automaticamente all’apertura di una pagina web, fermava infatti anche notifiche audio e altro genere di avvisi delle app. Da qui la decisione di Google di prendere tempo, e rimandare l’attivazione del filtro a ottobre con l’uscita del nuovo Chrome 70. Leggi di più su MediaPost.

Facebook espande le sue opzioni di analytics

Facebook ha annunciato un’espansione delle sue opzioni di reportistica. Gli inserzionisti avranno ora accesso a una versione aggiornata della piattaforma Ads Reporting che include una nuova funzione drag-and-drop per la personalizzazione delle misurazioni intorno alle metriche che essi reputano centrali. Sarà possibile valutare quali caratteristiche creative di un annuncio, come testo, slogan, immagine, call to action o altro, hanno performato meglio. Il lancio della piattaforma avverrà nel corso del prossimo mese. Leggi di più su Marketing Land

Podcast, un mercato che cresce

Il mercato dei podcast gode di ottima salute, e sta attirando sempre più a sè l’attenzione delle grandi piattaforme audio. Secondo uno studio di Edison Research, negli USA il 26% delle persone ascolta podcast ogni mese, e IAB US prevede che gli investimenti pubblicitari su questo canale cresceranno dell’85% quest’anno, arrivando a 220 milioni di dollari. Tuttavia, gli sviluppi tecnologici – sia da un punto di vista “editoriale” che pubblicitario – sono ancora lenti: per molti utenti è difficile trovare nuovi contenuti da ascoltare, e da un punto di vista adv mancano ancora strumenti per misurazioni approfondite, oltre alla possibilità di acquistare spazi in programmatic tramite aste. Leggi di più su AdExchanger.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette