Main partner:

GDPR, gli indirizzi email sono considerati “dati personali”?

Secondo la Commissione Europea, dipende dal tipo di indirizzo e dalle informazioni che può contenere. Ecco perché

di Alessandra La Rosa
21 febbraio 2018
email-taboola

Sono ancora tanti i dubbi delle aziende che si stanno preparando alla definitiva entrata in vigore della GDPR, il prossimo 25 maggio. E tante le domande.

Una di queste è se gli indirizzi email possono essere considerati “dati personali” e dunque soggetti alle restrizioni e alla richiesta di consenso imposte dal nuovo regolamento europeo.

A rispondere è la stessa Commissione Europea, che sul proprio sito chiarifica alcuni nodi fondamentali della GDPR. Gli indirizzi email sono generalmente classificati come dati non personali, ma qualora contengano il nome di una persona il loro status cambia, in quanto il dato è riconducibile a una persona determinata, e dunque non è considerato più anonimo.

Quindi, se l’indirizzo email è, ad esempio, info@azienda.com è da considerarsi “dato non personale”, se invece è nome.cognome@azienda.com diventa “dato personale”.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.