Main partner:

Firefox adesso blocca di default i cookie di terze parti

Nella nuova versione del browser è operativa in automatico l’opzione “enhanced tracking protection”, che impedisce l’utilizzo dei cookie terzi per il tracciamento degli utenti

di Alessandra La Rosa
06 giugno 2019
mozilla-firefox-browser

Importanti novità sul fronte tracciamento per Firefox. Mozilla ha annunciato che, nella nuova versione appena rilasciata del suo browser, verranno automaticamente bloccati i cookie di terze parti, utilizzati spesso dalle società di ad tech per il tracciamento degli utenti a fini pubblicitari.

Sul nuovo programma, infatti, sarà infatti operativa di default l’opzione “enhanced tracking protection”, prima attivabile manualmente dall’utente. Per il momento, la funzione sarà automatica per chi scarica e installa per la prima volta Firefox, ma nel giro dei prossimi mesi la società conta di estenderla anche agli attuali utenti.

Fino ad ora, il blocco dei cookie di terze parti era automatico su Firefox solo quando gli utenti utilizzavano il programma in modalità di navigazione in incognito.

“Enhanced Tracking Protection sarà praticamente invisibile all’utente, che si accorgerà del suo funzionamento solo quando visiterà un sito e vedrà l’icona di uno scudo nella barra degli indirizzi accanto all’URL, insieme a una piccola icona ‘i’ – spiega la società in un blog post -. In presenza di questa icona, l’utente potrà essere sicuro che Firefox sta bloccando l’accesso di migliaia di società alle sue attività online”.

Il browser di Mozilla non è il primo a bloccare di default i cookies esterni. Già due anni fa Safari ha fatto la stessa cosa, con l’opzione Intelligent Tracking Prevention che a suo tempo ha sollevato svariate critiche da parte degli operatori della pubblicità online. Proprio pochi giorni fa, Apple ha comunicato anche un’altra novità volta a limitare la circolazione dei dati personali dei suoi utenti: una nuova modalità di autenticazione alle app tramite Face ID che limita al minimo la condivisione con l’esterno di informazioni personali.

Anche Google ha detto la sua sull’argomento: in occasione del suo evento I/O la società ha dichiarato che renderà presto più facile per gli utenti bloccare o cancellare i cookie di terze parti su Chrome, senza perdere le informazioni di login. In quel caso, però, a differenza che su Safari e Firefox, il blocco dei cookie non sarà impostato di default, ma dovrà essere attivato manualmente dall’utente.

Poche settimane fa, Mozilla aveva annunciato un’altra novità relativa al tracciamento su Chrome: la possibilità per gli utenti di controllare e bloccare la pratica del “fingerprinting” sui loro dispositivi, una tecnica che alcune società utilizzano per riconoscere e identificare a scopi pubblicitari gli utenti di un sito attraverso le caratteristiche dei loro device, come la versione del browser utilizzata, i font o i plug-in installati.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.