Main partner:

Dynamic ad insertion nei podcast: ecco perché il suo utilizzo cresce

L’inserimento dinamico di pubblicità sfrutta il contatto one-to-one con gli utenti e risolve alcune problematiche tipiche dell’approccio adv “tradizionale”. E tra i grandi editori c’è già chi si sta dotando di strumenti proprietari

di Alessandra La Rosa
10 luglio 2018
podcast

Quello dei podcast è un mezzo pubblicitario in crescita, sia da un punto di vista di utenza che di interesse da parte degli inserzionisti. Lo scorso anno, uno studio di IAB US e PricewaterhouseCoopers rivelava che in USA la spesa pubblicitaria su podcast aveva raggiunto nel 2017 i 220 milioni di dollari, in aumento dell’85% sul 2016. Nel 2015, il valore di questo mercato ammontava a 69 milioni di dollari.

Tra le modalità pubblicitarie, quella che su questo mezzo sta incontrando un’adozione sempre maggiore è in particolare la dynamic ad insertion. Una forma di inserimento “dinamico” della pubblicità, automatizzato e targettizzabile, che fa particolarmente gola agli inserzionisti per due motivi. Innanzitutto perché consente di sfruttare al meglio da un punto di vista pubblicitario il contatto one-to-one che il podcast riesce a instaurare col singolo utente. Ma anche perché, diversamente dall’inserimento “tradizionale” di adv, riesce a risolvere alcune problematiche connesse alla natura stessa del canale podcast e che ne limitano l’elevato potenziale.

A differenza di una pagina internet, infatti, in cui gli annunci vengono riaggiornati facilmente ad ogni refresh anche automatico della pagina, nel caso dei podcast gli utenti scaricano contenuto e annunci insieme una sola volta. Questo vuol dire che, se si posiziona pubblicità in maniera “tradizionale”, ad esempio facendo leggere gli annunci direttamente agli speaker durante la registrazione, la pubblicità inserita rimane quella per sempre, anche a distanza di settimane o mesi. Una soluzione non efficiente per un mezzo che non vive solo nel momento immediato della messa online di un contenuto, ma che, nel caso di show particolarmente popolari, continua a registrare alti numeri di download anche molto tempo dopo.

Dunque, l’inserimento di annunci sempre “freschi” non è cosa semplice se si usano metodi tradizionali, ed in questo la dynamic ad insertion costituisce una buona soluzione. Da qui il suo rapido sviluppo.

Dynamic ad insertion nei podcast: il Washington Post sviluppa un nuovo tool

E tra gli editori, c’è anche chi sviluppa degli strumenti propri per l’inserimento di creatività dinamiche. Come il Washington Post, il cui team di ricerca ha sviluppato una soluzione, chiamata Rhapsocord, capace di identificare all’interno di un contenuto podcast i posizionamenti pubblicitari (pre-, mid- e post-roll), inserire automaticamente annunci in essi e mandare il contenuto alle varie piattaforme di distribuzione. Il tutto in maniera automatica, ossia senza che il creatore del podcast debba ri-modificare il contenuto manualmente per inserire di volta in volta le campagne.

Lo strumento, inoltre, ha anche delle capacità di targeting contestuale: è abilitato infatti all’immagazzinamento di metadati su ciascun episodio di un podcast, in modo che gli inserzionisti possano acquistare gli spazi sulla base degli argomenti trattati, come politica, sport o economia.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.