Main partner:

Dugout punta sul Programmatic per valorizzare le audience. Intanto l’offerta si arricchisce con l’app

La piattaforma social dedicata agli appassionati di calcio cresce e lancia la sua prima applicazione. AdX, OpenX e Rubicon Project tra i partner per la vendita delle inventory tramite private marketplace

di Alessandra La Rosa
03 aprile 2017
dugout

A pochi mesi dal suo lancio (era fine novembre 2016), Dugout, il social network dedicata agli appassionati di calcio, lancia la sua prima app.

Per la piattaforma, un progetto che porta i tifosi dietro le quinte del loro sport preferito creando un posto unico dove i fan possono trovare tutte le informazioni aggiornate sulle loro squadre e i loro giocatori preferiti, si tratta di un importante passo avanti nello sviluppo della propria offerta. Uno step evolutivo che risponde a una fruizione che attualmente avviene già in gran parte da mobile (l’85% degli accessi).

Disponibile per Apple e Android, l’applicazione comprende una serie di nuove funzioni, come la possibilità di creare la propria esperienza personalizzata scegliendo squadre e giocatori da seguire, e l’accesso a foto e video esclusivi prodotti dai giocatori.

Quanto al modello pubblicitario, rispecchierà quello proposto sul sito, «ma con un minor numero di annunci – ha spiegato a Programmatic Italia Elliot Richardson, Presidente di Dugout -, per assicurare ai nostri utenti la migliore user experience possibile».

Nei suoi primi 100 giorni di vita, Dugout ha raggiunto – rende nota la società in una nota ufficiale – 8 milioni di utenti unici, 13 milioni di pagine viste e 37 squadre (tra cui le italiane Milan, Bologna, Roma, Inter e Juventus) che hanno creato la loro propria pagina, inclusi nove dei più importanti club calcistici del mondo.

Cifre importanti, che pongono le basi per nuovi, importanti progetti, come ci ha illustrato Richardson: «Siamo molto felici del livello che abbiamo raggiunto, ma siamo sempre alla ricerca di nuove opzioni per crescere e migliorare. Abbiamo recentemente firmato accordi con tutti i club della Major League Soccer e con le principali squadre del Sud America, inclusi Santos e Boca Junior. Abbiamo un modello che funziona e siamo soddisfatti che i club investano in esso e i fan continuino ad apprezzarlo. Quello che è più importante per noi adesso e assicurare che il successo del progetto prosegua nel corso dell’estate, quando c’è meno calcio giocato. Comunque, considerando i risultati raggiunti fino ad ora, ed alcuni interessanti progetti che stanno per arrivare, inclusa la prima squadra nazionale salita a bordo della piattaforma, non vediamo l’ora di scoprire quello che ci riserva il futuro».

L’offerta pubblicitaria della piattaforma è gestita sia in maniera diretta che in Programmatic. «Essendo un editore di contenuti premium con accordi con rinomati brand, e considerata la giovane età dell’azienda, al momento vendiamo una buona parte dell’inventory della nostra app in maniera diretta. Detto questo, abbiamo una generosa offerta programmatic, attraverso partnership con piattaforme come Google AdX, OpenX e Rubicon Project, che lavorano con noi per dare valore alle nostre audience e vendere le nostre inventory tramite private marketplace».

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.