Main partner:

DSP, Amazon supera DoubleClick: è sua la piattaforma più utilizzata

Particolarmente adottata dalle aziende, Amazon Advertising Platform ha sorpassato DBM nell’uso da parte dei marketer in assoluto. Lo rivela un report internazionale

di Alessandra La Rosa
31 marzo 2017
programmatic-advertising

La DSP più utilizzata? E’ quella di Amazon. A rivelarlo è uno studio internazionale della società di analytics Advertiser Perceptions.

Secondo i risultati del report, che rispecchiano le risposte fornite da 800 professionisti del marketing lato domanda (60% agenzie, 40% brand) Amazon Advertising Platform (AAP) ha sorpassato DoubleClick Bid Manager (DBM) di Google come DSP più usata nel 2016, con il 40% degli intervistati che ha dichiarato di averla adottata, contro il 36% di DoubleClick. A seguire, con una distanza di una decina di punti percentuale, le piattaforme di altri operatori come MediaMath, Rocket Fuel, BrightRoll e AppNexus.

Un successo, quello di Amazon, che sarebbe in parte dovuto alla grande adozione da parte delle aziende, mentre altre società, come The Trade Desk, pur senza registrare un’ampia adozione in senso lato, sono invece particolarmente forti sul fronte agenzie.

Un’altra compagnia che ha ottenuto buoni risultati nel ranking, soprattutto in termini di percezione da parte del mercato, è AppNexus: la sua DSP è risultata prima nell’area “innovation and road map” in cui viene misurata la capacità di comunicare il proprio valore ai buyer, e ha registrato positive performance nelle aree “reporting features” e “troubleshooting capabilities”.

Amazon e AppNexus sono risultate essere le DSP che i buyer preferirebbero di più se dovessero scegliere delle piattaforme uniche, anche se, in realtà, questa è una condizione che raramente accade: di solito brand e agenzie adottano in media tre o quattro piattaforme di acquisto insieme.

DoubleClick Bid Manager resta leader sui criteri relativi all’offerta: la piattaforma si è piazzata al primo posto per “reporting features”, “API and integrations” e “forecasting tools”. Tuttavia ha perso terreno nelle aree legate alla relazione coi clienti: “QA/troubleshooting”, “understanding client needs” e “ability to work across client relationships” la vedono sorpassata da altre piattaforme come The Trade Desk, AppNexus e MediaMath.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.