Main partner:

Digilant punta alla “personalizzazione” dei servizi con una nuova acquisizione

La società di ad tech ha comprato Anagram, agenzia globale di consulenza dedicata alle aziende che vogliono approcciare il Programmatic in maniera creativa

di Rosa Guerrieri
27 marzo 2017
digilant

Digilant, fornitore di soluzioni per l’acquisto in programmatic, potenzia ulteriormente la propria offerta di servizi con l’acquisizione della società statunitense Anagram.

Anagram, di base a Boston ma di portata globale, è stata fondata nel 2015 da Adam Cahill, ex Carat e IPG, come agenzia di consulenza dedicata alle aziende interessate ad approcciare il programmatic con soluzioni customizzate e che tenessero conto anche degli aspetti creativi. A queste aziende la società offre pieno accesso e controllo delle piattaforme, aiutandole al contempo a costruire le loro proprie competenze in materia ad tech.

Proprio la personalizzabilità delle soluzioni proposte di Anagram ne ha fatto il suo carattere distintivo nel corso della sua giovane vita, e su questa caratteristica Digilant ora punta per rendere la propria offerta ancora più completa.

«Combinando i nostri prodotti e risorse tecnologiche con l’expertise di Anagram, avremo quella flessibilità necessaria per far crescere i nostri servizi e differenziarci ulteriormente dagli altri fornitori di soluzioni programmatiche – commenta Alan Osetek, Global CEO di Digilant -. Crediamo che l’approccio programmatic customizzato di Digilant possa allinearsi bene con quello di cui le aziende hanno bisogno per sfruttare i loro dati e le loro risorse, aiutando i nostri clienti a competere nel mercato particolarmente affollato dell’acquisto media digitale».

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette