Main partner:

Dati marketing, come aiutano le piccole e medie imprese?

Secondo una ricerca, il 52% degli operatori effettua decisioni più accurate grazie all’utilizzo di queste informazioni. Il 60% indica invece le campagne di targeting come il loro utilizzo più efficace

di Cosimo Vestito
26 maggio 2016
marketing-data-decisions

La piattaforma di automazione marketing Act-On, in collaborazione con Ascend2, ha intervistato 105 operatori di piccole e medie imprese da tutto il mondo su come gestiscono e usano i loro dati marketing per incontrare i propri obiettivi strategici.

I professionisti si affidano in maniera massiccia a questo tipo di dati e, secondo la ricerca, un po’ più della metà di loro dichiara che sono informazioni d’aiuto per elaborare quelle decisioni relative al targeting.

Nello specifico, il 52% dei rispondenti ha sostenuto che il beneficio primario è stato semplicemente quello di effettuare decisioni più accurate. Circa tre su dieci hanno detto che le loro decisioni sono state economicamente più vantaggiose.

 

210217[1]

I risultati da Act-On e Ascend2 hanno anche rivelato quali sono gli utilizzi più efficaci dei dati marketing secondo le piccole-medie imprese. Circa il 60% dei rispondenti ha detto che sono più utili per le campagne di targeting; quasi la metà ha pensato che sono stati più adatti per la personalizzazione dei contenuti (48%), per le vendite attribuite al marketing (47%) e per le analisi del viaggio del cliente (46%).

 

210219[1]

Il marketing data-driven è diventato un fattore importante per i marketer che vogliono interfacciarsi più da vicino con i loro clienti. Infatti, secondo uno studio datato dicembre 2015, più del 90% degli operatori americani gestisce dei database per ospitare proprio questo genere di informazioni.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette