Main partner:

Blockchain, IAB presenta il primo libro bianco dedicato alla tecnologia

Il white paper analizza l’innovativo sistema e il suo utilizzo nell’ambito della pubblicità video e OTT. Sarà il primo di una lunga serie

di Alessandra La Rosa
10 febbraio 2018
blockchain

Che tra le tante possibili applicazioni della blockchain potesse esserci anche il mondo della pubblicità digitale è cosa ormai nota. Diversi operatori del settore, in questi ultimi mesi, si sono mossi per trovare il modo di applicare la tecnologia, tradizionalmente legata al mondo delle criptovalute, a temi come l’acquisto media, la pubblicità televisiva e lo scambio sicuro e trasparente di dati per il targeting adv.

Ma è forse quando è stata compiuta la prima mossa a livello di industry, lo scorso settembre, che la blockchain è diventato ufficialmente un tema pubblicitario: IAB Tech Lab ha lanciato un tavolo di lavoro dedicato all’argomento, con l’obiettivo di individuare nuovi ambiti di applicazione della blockchain nel mercato pubblicitario, puntando in ultima istanza a costruire standard e best practice dell’utilizzo della tecnologia in campi quali l’anti-frode, le misurazioni, la riconciliazione delle discrepanze nel billing e le transazioni finanziarie.

Oggi quel progetto ha fatto un nuovo passo avanti, con la realizzazione del primo libro bianco sulla blockchain: un documento ufficiale che mostra come la tecnologia possa migliorare l’acquisto e la vendita della pubblicità video, in particolare quella OTT. Il report traccia i contorni della struttura fondamentale della tecnologia, terminologia inclusa, e poi ne analizza una serie di applicazioni a livello di pubblicità video e OTT.

Secondo IAB, la blockchain presenta un grande potenziale in termini di aumento dell’efficienza, riduzione dei costi ed eliminazione delle frodi. Inoltre, riduce in maniera significativa il numero di query che i sistemi ad tech hanno bisogno di effettuare ogni secondo, assicura che l’inventory video premium sia comprata e venduta in maniera affidabile, riduce il numero di intermediari e aumenta in generale la trasparenza.

Ci sono però delle specificità del mercato, soprattutto quello OTT, che potrebbero frenare l’adozione di questa tecnologia. Ad esempio il fatto che l’inventory è già molto richiesta, dunque i venditori potrebbero essere meno propensi a sperimentare nuove tecnologie, e presenta meno intermediari e inefficienze di altri canali adv.

In ogni caso, secondo IAB questo sarà l’anno in cui varie applicazioni della blockchain verranno lanciate nel mercato della pubblicità video digitale e cross-screen, inclusa la tv lineare, che poi andranno diffondendosi ulteriormente nel corso del 2019.

«La blockchain sembra essere la nuova tentazione del mercato, ma non c’è dubbio che questa tecnologia sia trementamente promettente per la pubblicità video digitale – spiega Anna Bager, Executive Vice President Industry Initiatives di IAB -. Questo white paper è il primo di quelli che possiamo già anticipare saranno molti report di IAB che esploreranno il futuro di questa tecnologia nel video digitale».

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.