Main partner:

Amazon testa una suite di prodotti che rende l’erogazione degli spot più fluida e personalizzata

Si chiama AWS Elemental Media Services, ed è stata creata con l’obiettivo di aiutare i fornitori di video live e on-demand a gestire la distribuzione dei contenuti, anche da un punto di vista pubblicitario

di Alessandra La Rosa
28 novembre 2017
amazon

Amazon Web Service, la divisione cloud di Amazon, ha annunciato il lancio di una nuova suite di prodotti specificamente pensata per i fornitori di contenuti video OTT.

Si chiama AWS Elemental Media Services, ed è stata creata con l’obiettivo di aiutare i fornitori di video live e on-demand a gestire l’erogazione dei contenuti. Tra i primi sperimentatori della suite, disponibile attualmente solo come servizio “gestito” e non self-service, ci sono broadcaster come Fox Sports Australia e lo stesso Prime Video di Amazon, oltre società specializzate.

In particolare, sono cinque le soluzioni di cui si compone l’offerta di Elemental Media Services: MediaTailor, che consente l’inserimento di pubblicità dinamiche e targettizzate; MediaLive, che aiuta gli editori a gestire l’erogazione di video live; MediaConvert, che comprime i video in dimensioni gestibili per una rapida erogazione; MediaPackage, che migliora il playback cross-screen; e MediaStore, che consente l’erogazione di video da file immagazzinati. La suite consente anche l’inserimento di pubblicità server-side.

Pur avendo in sé delle soluzioni prettamente “pubblicitarie”, la suite Elemental non lavora da ad server. Piuttosto, contribuisce a velocizzare e rendere più fluida l’erogazione degli annunci adv, e dunque può essere utilizzata insieme ad altre piattaforme pubblicitarie, come DoubleClick for Publishers. «La decisione su quali annunci sono erogati può essere gestita da società terze e le campagne immagazzinate in ad server, da cui poi noi le prenderemmo – spiega Keith Wymbs, CMO di AWS Elemental, al sito AdExchanger -. Questa soluzione consente di trasformare questi annunci in un’esperienza ancora più fluida per l’utente, unendo l’annuncio al contenuto». I prodotti della suite infatti ottimizzano gli annunci video assorbendo metadati video dal player del cliente, personalizzando le campagne e dunque garantendo che siano erogate in presenza del contenuto più appropriato.

Per Amazon quello della gestione dei processi back-end di erogazione video è un nuovo territorio, già presidiato da grandi nomi quali Google e Adobe e da società specializzate come Brightcove. Un territorio diverso da quello dei software per i creatori di video, in cui la multinazionale di Seattle è già presente con soluzioni come la piattaforma di distribuzione Amazon Video Direct.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette