Main partner:

[Videointervista] Adform al Programmatic Day(s): «La nostra missione è fornire un ambiente sicuro per i marchi»

Valeria Mazzon, Country Manager della società ad-tech, e Andrea Stefanini, Analytics and Digital Operations Manager di DeAgostini Publishing, hanno illustrato i punti cardine della collaborazione tra le due realtà, tra digital transformatio e automazione

di Aurora Agnello
18 aprile 2018
Valeria Mazzon e Andrea Stefanini
Valeria Mazzon e Andrea Stefanini

Come funziona il Programmatic per le aziende e quali benefici può portare? Sul palco di Programmatic Day(s) ce lo hanno raccontato Valeria Mazzon, Country Manager di Adform e Andrea Stefanini, Analytics and Digital Operations Manager di DeAgostini Publishing.

I due manager hanno illustrato come la loro collaborazione è nata e si è evoluta nel tempo, forte del valore aggiunto costituito dall’offerta full stack di Adform. La collaborazione tra le due società è nata nel 2013 ed è parte di una più ampia strategia di digital trasformation messa in atto dall’azienda di collezionabili. «Essere proprietari di tutti i pezzi della filiera è il nostro plus- ha affermato la Country Manager- Operare in full stack riduce la dispersione in termini di tempo e utilizzo del dato. Automatizzazione e dati sono necessari, ma fanno la differenza se combinati con la giusta creatività».

Intervistato sul palco, Stefanini ha raccontato come nel canale D2C dell’azienda i numeri degli abbonamenti ai collezionabili siano cambiati: oggi vengono fatti su telefono, coupon, ma all’80% su Internet, un dato significativo e quindi decisivo per attrarre quanti più clienti, anche nei mercati di nicchia. Inoltre ha accennato alle barriere interne che l’azienda si è trovata a dover superare per sviluppare la sua strategia programmatica, ricordando: «Penso che in aziende con forte tradizione off line ci sia un naturale scetticismo nei confronti delle nuove tecnologie: nel nostro caso abbiamo un team forte sul prodotto e la distribuzione, sul lato digitale invece abbiamo dovuto imparare. Il Programmatic non si improvvisa e noi ci siamo impegnati per studiarlo. Gli obiettivi della nostra pianificazione media oggi sono due, ovvero ampliare le reach delle campagne e spostarsi su un modello di buying Audience Based.

Infine, Mazzon ha commentato uno dei principali trend del mercato ad tech, tema portante della due giorni di evento: la fiducia nei confronti del Programmatic. A tal proposito, la Manager ha posto l’accento su alcune delle iniziative che i player di settore stanno mettendo in campo per togliere di dosso al Programmatic quell’alone di “incertezza” che lo circonda: «Non basta spostare il budget sul Programmatic – ha ricordato – Una campagna va pensata per il Programmatic con tutti i KPI dell’azienda, per guidare all’acquisto. La mission di Adform è quello di fornire un ambiente sicuro per brand e investitori. Per questo abbiamo messo in campo una suite di strumenti antifrode. Non si tratta solo di un semplice algoritmo, ma abbiamo investito sulla parte tecnologica e su risorse umane, che leggono i dati e sanno sventare le frodi. Oggi la situazione è positiva e chi si avvicina al Programmatic può stare tranquillo, adesso che il “traffico sporco” è sotto controllo».

Guarda la videointervista a Valeria Mazzon e Andrea Stefanini, a margine del loro intervento a Programmatic Day(s) 2018:

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter