Main partner:

comScore analizza lo stato della pubblicità digitale, tra ad blocking, frodi e viewability

La società ha pubblicato i dati del suo studio Advertising Benchmarks Q1 2016, in cui ha osservato l’impatto di questi tre fenomeni nell’erogazione delle campagne online a livello globale

di Alessandra La Rosa
24 maggio 2016
digital-advertising

Il Programmatic e la pubblicità digitale proseguono il loro trend di crescita, ma ad blocking, impression fraudolente e viewability continuano a costituire dei freni al loro boom globale.

Lo rivelano gli Advertising Benchmark di comScore relativi al Q1 2016. Lo studio ha analizzato l’impatto di questi tre fenomeni nell’erogazione delle campagne digitali a livello globale nei primi tre mesi di quest’anno, proponendo anche alcuni spunti per la industry su come affrontare queste sfide.

Ecco alcuni grafici riassuntivi della ricerca.

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

comscore-q1-2016-advertising-benchmark

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Programmatic Italia e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Engage.it

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Programmatic Italia una nostra newsletter bisettimanale e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.