Main partner:

Creatività pubblicitarie sempre rilevanti? Google e Shutterstock annunciano un accordo

Grazie a un’integrazione API, le aziende che usano le soluzioni display web e mobile di Big G come Adsense, Adwords e Admob, avranno accesso alle immagini di Shutterstock, che potranno essere automaticamente integrate ai copy dei loro annunci

di Alessandra La Rosa
12 luglio 2016
Shutterstock

Nell’era del real-time pubblicitario digitale, a volte non è facile realizzare creatività sempre diverse e rilevanti per poter cogliere appieno i benefici del targeting data-driven. Ma un nuovo accordo sembra venire in aiuto alle aziende in difficoltà.

Da oggi infatti gli inserzionisti dei prodotti pubblicitari display di Google potranno utilizzare le immagini di Shutterstock per le loro campagne.

Il fornitore di immagini e musica ha infatti annunciato un’integrazione API con Google, che permetterà alle aziende che usano i formati display web e mobile di Big G, tra cui Adsense, Adwords e Admob, di accedere a un portafoglio di oltre 90 milioni di immagini, utilizzabili per le loro campagne.

La tecnologia di Google unirà in maniera programmatica le immagini ai copy pubblicitari, valutandone le performance adv: la soluzione API scalabile di Shutterstock consentirà infatti a Google di testare facilmente le performance dell’immagine unita al testo, direttamente all’interno del formato pubblicitario, per annunci ancora più rilevanti che sappiano rispondere alle nuove sfide del real-time pubblicitario digitale.

Shutterstock fornisce già il proprio archivio di immagini a fini pubblicitari ad AOL, Salesforce e Sprinklr.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter

Le più lette