Main partner:

Facebook lancia la reportistica cross-device. Aiuterà a capire meglio l’impatto del mobile sulle campagne

Grazie al nuovo strumento, i brand sono in grado di scoprire da quali dispositivi le persone accedono agli annunci pubblicitari e mettere in relazione questi dati con le conversioni

di Alessandra La Rosa
08 ottobre 2014
facebook_like_logo

Dopo il targeting basato sulla velocità di connessione, Facebook annuncia un’altra novità per i marketer: il Cross-Device Report, uno strumento sviluppato da Menlo Park per consentire agli inserzionisti di vedere come le persone si muovono da un device a un altro – attraverso le app e il web – rilevandone le conversioni.

Grazie al nuovo Cross-Device Report, i brand sono in grado di scoprire da quali dispositivi le persone accedono agli annunci pubblicitari e su quali device invece avvengono le conversioni. Gli inserzionisti possono ad esempio vedere il numero di consumatori che clicca su un annuncio pubblicitario da iPhone e che poi accede al sito web dell’azienda o effettua l’acquisto da desktop e viceversa.

“Immaginate di vedere l’annuncio di un prodotto sul vostro telefono cellulare mentre fate la fila in banca – si legge nel blog post ufficiale che annuncia l’introduzione del Cross-Device Report -. Effettuetere subito l’acquisto sul telefonino? Probabilmente no. Ma forse, tornerete in ufficio più tardi quel giorno e comprerete il prodotto sul vostro computer desktop. Tali conversioni cross-device stanno diventando sempre più comuni, dal momento che le persone si muovono continuamente tra telefoni, tablet e computer fissi nella loro interazione con le imprese”.

Tale intuitivo ragionamento trova sostanza nei numeri: secondo una recente ricerca di Facebook, tra gli utenti che hanno mostrato interesse in un annuncio mobile di Facebook prima di convertire, il 32% ha effettuato la conversione su desktop entro le successive 4 settimane. Con il passare del tempo, inoltre, la probabilità che la conversione avvenga su un device diverso dal mobile tende ad aumentare. Ciò rischia di far sottovalutare l’importanza di smartphone (e tablet) in una strategia di marketing multicanale.

Così lo sviluppatore Josh McFarland, ceo di TellApart, agenzia inclusa nel programma Facebook Preferred Marketing che ha testato in anteprima il nuovo strumento: «Il monitoraggio dei dati sui clic e conversione cross-device ha confermato ciò che già sapevamo essere vero: gli annunci mobile promuovono le vendite in ogni canale. Il nuovo reporting di Facebook è un game-changer nella nostra capacità di aiutare i clienti a investire con successo in adv mobile».

Il Cross-Device Report è disponibile negli Ad Reports di Facebook.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter