Main partner:

zeotap, completata l’integrazione con The Trade Desk

Prosegue la crescita della data company nel mercato programmatico. Polizzy Carbonelli: «A breve l’annuncio dell’accordo con un’altra DSP di primo piano, lavoriamo per rendere disponibili i nostri dati al massimo numero di centri media e clienti diretti»

di Cosimo Vestito
18 ottobre 2017
Riccardo Polizzy-Zeotap
Riccardo Polizzy Carbonelli

Continua la crescita della data company zeotap nel mercato del programmatic advertising: la società fondata da Daniel Heer, presente anche in Italia dal 2016, ha annunciato di aver completato l’integrazione con la DSP The Trade Desk. La partnership tra il fornitore di dati mobile e la piattaforma programmatica punta a rendere più facilmente accessibili dati non disponibili in precedenza, consentendo l’erogazione di campagne digitali su dispositivi mobili.

Grazie a questa collaborazione, The Trade Desk renderà più efficiente la spesa media dei propri clienti aggiungendo alla sua offerta dati deterministici mobile.

“Lavoriamo duramente tutti i giorni per portare sul mercato i migliori dati attraverso ogni canale disponibile. Siamo molto contenti di questa integrazione. The Trade Desk è un player del mercato in grado di influenzare significativamente l’ecosistema”, ha dichiarato Heer.

Per zeotap l’obiettivo è quello di rendere la propria offerta di dati, raccolti prevalentemente attraverso accordi diretti con le principali telco, largamente accessibili sul mercato. «Dopo l’integrazione con DBM e Adform, la nostra espansione presso le principali DSP sul mercato prosegue con The Trade Desk e a breve saremo inoltre in grado di annunciare la partnership con un’altra piattaforma di primo piano», dice a Programmatic Italia Riccardo Polizzy Carbonelli, Country Head di zeotap in Italia.

In un mercato in cui esiste una differenziazione delle piattaforme di media buying utilizzate dai trading desk, «il nostro obiettivo è dare accesso ai nostri dati a un numero crescente di centri media e clienti diretti», continua Polizzy Carbonelli, che aggiunge: «Le grandi DSP sono l’anello centrale del mercato del programmatic su scala globale, e il fatto che ci scelgano come partner è un riconoscimento dello status di zeotap come data company di primo piano a livello internazionale».

“Siamo contenti di rendere accessibili i dati Zeotap ai nostri clienti. La disponibilità congiunta di dati di qualità e volumi è un binomio molto difficile da trovare in qualsiasi mercato”, ha fatto sapere in una nota Lukas Fassbender, General Manager per l’Italia e l’area Dach di The Trade Desk.

Intanto, zeotap è molto attiva anche sul fronte delle iniziative finalizzate a far conoscere la propria offerta e allo stesso tempo aumentare la “cultura del dato” nel digital advertising: lo scorso 5 ottobre, la data company ha organizzato per una selezione di marketing director una cena “stellata” nell’ambito dell’esposizione multimediale “The Klimt Experience”.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter