Main partner:

Unruly porta l’emotional intelligence nella pubblicità programmatica

Utilizzando algoritmi sofisticati, la società ad-tech riesce ad associare le emozioni degli utenti, suscitate dalla visualizzazioni degli annunci, ad altrettanti private marketplace

di Cosimo Vestito
22 dicembre 2016
Unruly-logo

Unruly continua a potenziare le sue soluzioni di emotional intelligence in applicazione alle campagne programmatiche. Si tratta di una strategia che sembra essere fortemente supportata dai dati: secondo i numeri a disposizione di Nielsen e della stessa società ad-tech relativi al 2015, gli annunci guidati dalle emozioni possono incrementare le vendite di oltre il 20%.

In settembre, Unruly aveva lanciato ciò che definiva pacchetti “Emotional PMP” (private marketplace), una nuova modalità di acquisto di inventario che associa l’umore di un consumatore, causato dalla vista di un annuncio di un marchio, all’ambiente di visualizzazione che lo circonda, come descrive Kenneth Suh, EVP, global business development.

Basandosi su algoritmi sofisticati, Unruly è riuscita ad identificare 18 emozioni fondamentali, attorno ad ognuna delle quali è creato un private marketplace.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter