Main partner:

A San Valentino l’Intelligenza Artificiale di Rocket Fuel viene in aiuto degli innamorati

Secondo il Regional Director Southern Europe e MENA Region circa il 40% dei clienti della società di Programmatic prevede aumenti del budget in occasione di questa ricorrenza

di Enrico Quaroni, Rocket Fuel
07 febbraio 2017
enrico-quaroni-rocket-fuel
Enrico Quaroni

San Valentino si avvicina e molti innamorati stanno ancora cercando il regalo perfetto per il proprio partner. Si tratta di un momento particolarmente ghiotto per tutte quelle aziende che vogliono promuovere i propri prodotti e servizi. Ma come fare a spiccare nella folla di offerte e a trovare gli utenti più interessati?

È proprio in questo che i brand possono affidarsi al predictive marketing che, basato sull’intelligenza artificiale, permette di conoscere gli interessi e le intenzioni degli utenti e anticipare le loro necessità.

Secondo una ricerca condotta da Rocket Fuel tra i propri clienti, quasi il 40% dei brand aumenterà il proprio budget in vista di San Valentino, creando offerte speciali e materiali creativi dedicati. Le aziende più interessate sono chiaramente quelle dei settori retail&shopping, travel e telco.

«Come è facile immaginare, i brand che si rivolgono agli utenti consumer dimostrano un grande interesse per San Valentino», ha commentato Enrico Quaroni, Regional Director Southern Europe e MENA Region della società di Programmatic, «Tra i nostri clienti, infatti, si prevede una aumento del 15-20% del budget normalmente pianificato in un mese per la creazione di campagne ad hoc».

Sebbene il customer journey degli utenti non sia affatto lineare e interagiscano da diversi device, l’intelligenza artificiale permette di riconoscere le singole persone, comprendere a che punto sono del processo d’acquisto, analizzare e rispondere a migliaia di segnali generati in real-time.

“Grazie alla tecnologia Moment Scoring di Rocket Fuel siamo in grado di targettizzare gli utenti più interessati nel momento migliore e nel posto giusto, creando momenti che contano e permettendo ai brand di aumentare il ROI”, ha concluso Quaroni.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter