Main partner:

S4M si rafforza con un nuovo finanziamento di 12 milioni di dollari

La società specializzata nel drive-to-store, guidata in Italia da Andrea Pongan, sfrutterà i nuovi capitali per sviluppare le sue tecnologie di proprietà, tra cui la piattaforma Fusio

di Alessandra La Rosa
15 maggio 2018
s4m-team

Nuova iniezione di capitale per S4M. L’azienda di adtech e martech specializzata in campagne drive-to-store ha annunciato infatti di aver raccolto 12 milioni di dollari nel round di investimento B da Sofiouest con partecipazione da parte degli investitori Bpifrance e Entrepreneur Venture. La società, che ha lanciato la sua piattaforma Fusio by S4M a febbraio di quest’anno in SaaS, sfrutterà i nuovi capitali per sviluppare le sue tecnologie di proprietà con l’obiettivo di permettere l’ottimizzazione, in tempo reale, del traffico e delle vendite nei negozi.

La tecnologia proprietaria di S4M è stata creata sul finire del 2011 da Christophe Collet, dopo che la sua prima start-up Adenyo, fu venduta a Motricity per 100 milioni di dollari. Oggi la start-up francese è diventata una multinazionale con otto uffici nel mondo, Italia compresa, e 160 dipendenti, e tra i suoi clienti annoverà brand del calibro di Renault, L’Oréal, Pernot Ricard, Subway e Levi’s, e agenzie media internazionali. Ogni anno, S4M realizza più di 5000 campagne pubblicitarie per dimostrare ai suoi clienti l’efficacia del digital advertising grazie al calcolo in tempo reale delle visite ai negozi in seguito alle visualizzazioni online.

Fiore all’occhiello dell’offerta della società è Fusio, piattaforma tecnologica che si pone come obiettivo quello di collegare gli investimenti online e offline, mostrando l’aumento delle visite nei negozi derivanti dalle campagne online. Grazie allo strumento, le aziende possono attribuire agli investimenti digitali le visite in negozi fisici, basandosi su visite reali, misurate da piattaforme di terze parti imparziali. «I nostri dati relativi alle visite in negozio ci vengono forniti da numerosi partner in modo da garantire di non essere noi stessi giudice e giuria dell’efficacia delle nostre campagne pubblicitarie – spiega Christophe Collet, CEO di S4M -. È evidente che nel settore si assiste ad un cambiamento in termini di attribuzione del ROI e questo nuovo finanziamento ci consentirà di essere tra i primi promotori di questo nuovo approccio».

FUSIObyS4M_2
La piattaforma Fusio

Sempre all’interno della piattaforma Fusio, l’azienda ha recentemente lanciato Dynamic Catchment Areas (DCA), uno strumento strategico per potenziare le campagne drive-to-store grazie alla localizzazione geografica degli utenti basata sulla loro affinità al marchio e la distanza a piedi o in macchina rispetto al negozio.

FUSIObyS4M_1
Lo strumento Dynamic Catchment Areas

Il nuovo finanziamento ricevuto permetterà un ulteriore sviluppo della tecnologia: in particolare un miglioramento di tutte le funzionalità della piattaforma e un incremento delle vendite in particolar modo nel mercato americano. S4M si è posta inoltre come obiettivo quello di riuscire a quantificare e fornire in tempo reale e direttamente sulla piattaforma, oltre ai dati relativi alle visite in negozio, anche quelli relativi agli acquisti fisici.

Le entrate previste dell’azienda nel 2020 sono di 100 milioni di dollari. «L’innovazione digitale è al centro della nostra strategia di investimento – spiega Patrice Hutin, CEO di Sofiouest, family office parte di Sipa/Ouest-France -. Le soluzioni Drive-to-store delineano il futuro del retail e crediamo che S4M con la sua tecnologia Fusio sarà il leader di questo cambiamento nel mondo pubblicitario».

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter