Main partner:

PubMatic: l’header bidding fa crescere la monetizzazione su mobile

Il Quarterly Mobile Index della società ad-tech ha registrato che le impression transate attraverso questa tecnica su tutti i dispositivi sono più che quadruplicate rispetto all’anno scorso. In ascesa anche i private marketplace

di Cosimo Vestito
18 maggio 2017
header-bidding

I marchi stanno trasferendo una quota sempre maggiore della loro spesa pubblicitaria verso i media programmatici, ciò avviene perché ora l’obiettivo principale dei marketer sono i consumatori mobile-first. È quanto emerge dal Quarterly Mobile Index di PubMatic, relativo al primo trimestre del 2017.

Lo studio ha esaminato dati provenienti da miliardi di impression sulla piattaforma della società ad-tech, scoprendo che la maggiore adozione di header bidding e private marketplace (PMP), a livello globale, ha generato significative opportunità di monetizzazione per gli editori mobile.

Infatti, il volume di impression mobile monetizzate in header bidding è aumentato di dodici volte anno su anno, un tasso di crescita più rapido delle impression desktop. Inoltre, il 25% del totale delle impression monetizzate in header bidding è derivato da un dispositivo mobile, in aumento rispetto al 7% registrato un anno prima. Gli eCPM relativi dell’header bidding web mobile sono saliti del 55% nello stesso periodo.

Il Quarterly Mobile Index di PubMatic ha anche registrato un incremento sul lungo periodo nella popolarità dei PMP, con un volume di impression in crescita di oltre il 68% anno su anno.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter