Main partner:

New York Times, focus sul Programmatic per l’espansione internazionale

La testata ha deciso di puntare ancor di più sulla vendita automatizzata delle proprie inventory, da cui attualmente proviene già una grossa fetta della sua raccolta pubblicitaria

di Alessandra La Rosa
15 febbraio 2017
new-york-times

Il New York Times ha un obiettivo ambizioso per il 2020: quello di raddoppiare le proprie entrate dal digital. E per farlo, ha intenzione di puntare anche su un’espansione a livello internazionale.

Nodo cruciale di questa espansione è il Programmatic. La testata infatti, pur continuando a sfruttare gli abbonamenti digitali, conta di spingere molto sulla raccolta pubblicitaria grazie alle attività di vendita automatizzata delle proprie inventory, ed avrebbe assunto dei responsabili del Programmatic in quei mercati dove conta di registrare le migliori performance: Londra e Singapore.

Secondo quanto scrive il sito Digiday, il New York Times starebbe presentando in questi giorni agli inserzionisti europei la propria offerta di pubblicità automatizzata, che ha i suoi punti forti su dati e video, con due eventi privati a Londra e Parigi.

«Pensiamo al Programmatic come a un modo differente di fare business, non come a una differente forma di acquisto – ha dichiarato Sara Badler, director of programmatic advertising del The New York Times -. Questo vuol dire che il Programmatic ha lo stesso valore delle vendite dirette, così come gli alti CPM e i formati ad alto impatto. Offriamo la stessa cosa per entrambi. Non ci sono inventory invendute o coda lunga».

L’editore ha aperto l’intera sua inventory al Programmatic, mettendo a disposizione degli inserzionisti su ogni formato sia la possibilità di un acquisto diretto sia quella di una transazione automatizzata. Lo scorso anno, dei 209 milioni di dollari di raccolta pubblicitaria, una buona parte derivava proprio dalla vendita data driven.

L’offerta della testata può contare anche su una soluzione di header bidding server-side.

Il programmatic nella tua e-mail. Ricevi gratuitamente la nostra newsletter